«Stranger Things 3»: horror, humor e un finale strappalacrime

Da giorni i media, da Italia 1 con Uan alle pubblicità di molti brand come Taffo o Skipper, ci hanno ricordato che gli anni ’80 sono tornati: è disponibile su Netflix la terza stagione di Stranger Things.

Stranger Things
mangaforever.net Uan, il pupazzo rosa di Bim Bum Bam

Ritorno a Hawkins

Siamo a Hawkins in una calda estate del 1985. Piscine, gelati e un nuovo centro commerciale fanno da sfondo alle vicende dei nostri eroi che stanno crescendo a vista d’occhio scontrandosi con le problematiche adolescenziali che affliggono i teenager: i primi amori e la nostalgia dell’infanzia spensierata.

A rovinare le loro vite è la minaccia dell’esercito russo che cerca di riaprire la porta che conduce al Sottosopra, chiusa da Undici nella seconda stagione, per liberare il Mind Flayer. Toccherà ai nostri amici salvare di nuovo il mondo.

cinematographe.it

Leggi anche:
Brazil di Terry Gilliam: quando burocrazia fa rima con distopia

The Duffer Brothers

Ancora una volta i fratelli Duffer hanno fatto centro regalandoci una terza stagione ben dosata tra elementi horror, momenti di humor e un finale strappalacrime che ci fa fremere per una quarta stagione.

Al gruppo a cui ci siamo affezionati si aggiungono altri tre elementi: Robin, collega di Steve in una gelateria al centro commerciale, la sorellina di Lucas, Erica, e la fidanzata di Dustin, Suzie che con una piccola comparsa nell’ultima puntata dà vita, insieme a Dustin, a una delle scene più belle e divertenti di tutta la stagione.

Si approfondiscono anche le storie di molti altri personaggi: da Billy, fratello di Max, che ha un ruolo centrale nella vicenda, ai “nuovi adulti” come Steve, Nancy e Jonathan, che, finita la scuola, devono fare i conti con il difficile mondo reale, quello del lavoro.

Stranger Things
serial.everyeye.it

Stranger Things: dove tutto è possibile

Molti sono gli omaggi della cultura anni ’80. La Cosa, Terminator, La Storia Infinita e molti altri, trovano spazio in questa serie fatta di camice dai colori sgargianti e capelli cotonati che ha dato vita ad un nuovo genere: la fantascienza nostalgica.

Stranger Things ormai fa parte della cultura di massa tanto che Italia 1 ha dedicato tutta una giornata ai film cult di quel periodo, dai Gremlins a E.T., con tanto di pubblicità dedicate proprio alla serie.

Forse gli anni ’80 torneranno davvero alla ribalta?

Leggi anche: 
Cosa si dice di «Chernobyl», la serie tv che è già capolavoro

Immagine di copertina: rollingstone.com




***

Frammenti è una rivista online di attualità e cultura edita dall'associazione culturale no profit Il fascino degli intellettuali.
Se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una piccola donazione!


Azzurra Bergamo

Classe 1991. Laureata in Lettere e in Editoria e Giornalismo. Naturalizzata veronese, sogna un mondo dove la percentuale dei lettori tocchi il 99%.
Azzurra Bergamo
Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.