«The Post», il giornalismo perduto secondo Spielberg

Uno spettatore entrato in sala nel 2017 cercava quasi sicuramente in The Post il brivido precedentemente provato nell’allora recente Il caso Spotlight. Il ritmo, la velocità, il sentimento di un giornalismo passionale condotto da figure più simili a Detective che a reporter. The Post è però molto diverso da tutto questo. Più vero, direbbero per contrario alcuni. Ma non è del realismo che si appropria il racconto diretto da Steven Spielberg. Anzi, proprio come Il caso Spotlight condivide con la dimensione del reale solo il rapporto tra fatti storici e narrazione. Nel modo però con cui questa è condotta nemmeno Spielberg rinuncia all’eccesso, seppur in modo inverso. Lì dove si potrebbe accelerare, fare della storia un agile Romanzo, Spielberg in The Post si sofferma, rende eccessivamente veritiera la realtà, rallentando il racconto per trasmetterne l’importanza.

Insomma, Spielberg non semplifica, dilata, allunga, vivifica. Come fa un lettore talmente appassionato da rileggere la propria pagina preferita sottolineando con attenzione ogni singola parola. The Post è per questo un lettera d’amore vera e sentita, dedicata a un giornalismo forse perduto e letta con cura a tutti noi.

[…] Continua a leggere su NPCMagazine

Alessandro Cavaggioni
Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.