dinamismo

Umberto Boccioni e il dinamismo plastico

Velocità e progresso

Il dinamismo plastico è una tecnica rappresentante la simultaneità del movimento nell’ambito delle arti plastiche e figurative.

Al volgere della Belle époque l’automobile divenne il modello di bellezza e un’immagine di potenza per la società contemporanea. In questo periodo il clima generale trasudava progresso e avanguardia. L’avanguardia italiana era alla ricerca di un nuovo linguaggio con cui esprimere queste innovative tematiche che governavano la nuova società progressista.

dinamismo
Il ciclista, 1913, Umberto Boccioni

L’arte del dinamismo

In questa cornice si inserisce Umberto Boccioni (1882-1916), primo ad affrontare e sviluppare queste problematiche in ambito artistico come vere e proprie tematiche. Questi nuovi elementi di rappresentazione si fusero con la sua caratteristica raffigurazione della vita moderna dell’epoca.

Nel 1910 incontra Tommaso Marinetti, che lo introduce alle idee di movimento e di simultaneità. Idee che Boccioni personalizza descrivendole con immagini formate da più punti su una traiettoria, alla cui base c’è l’idea dell’assioma di un corpo in movimento.

dinamismo
Forme uniche della continuità nello spazio, 1913, Umberto Boccioni

A differenza di Giacomo Balla, interessato al principio ottico della persistenza delle immagini sulla retina, Boccioni è attratto dal motivo della durata, concetto temporale che comprendere il passato, il presente e il futuro.

Leggi anche:
Giacomo Balla tra divisionismo e futurismo all’alba del XX secolo

Il tema principale della sua scultura e della sua pittura è la forma dinamica. la sua costante ricerca all’interno del dinamismo avvicina alle correnti del Cubismo e dell’Espressionismo, nell’ambito del considerare e rendere partecipe lo spettatore. La sua capacità di cogliere il movimento e il dinamismo lo rendete il più celebre dei futuristi.

Leggi anche:
L’Apocalisse secondo El Greco

Related Post

Condividi:

Studentessa di storia, laureata in Management per i beni culturali e con un master in visual merchandising. Viaggi, libri, arte, cinema e moda sono le mie grandi passioni. Sono sempre alla ricerca di nuove fonti d'ispirazione nel panorama artistico contemporaneo, spinta da un'inarrestabile curiosità. Vivo tra Parigi e Venezia, e il mio cuore si divide tra una corsa in metro e un tramonto sulla laguna.