Adele Boch-Bauer

Adele Bloch-Bauer: la “donna in oro” di Gustav Klimt

Adele Bloch-Bauer, donna colta, di famiglia ebraica benestante e famosa, fu amica, musa e mecenate di Gustav Klimt. Sue erano le fattezze della Giuditta I (1901), mentre il Ritratto di Adele Bloch-Bauer (1907) è il primo dedicato alla nobildonna e il più rappresentativo del periodo aureo dell’artista viennese.

Leggi anche:
«Giuditta I» di Gustav Klimt: l’erotismo vestito d’oro

Insieme ad altre tele di Klimt, l’opera fu confiscata dai nazisti e al centro di una contesa tra la nipote di Adele, Maria Altmann, rifugiatasi in America, e il governo austriaco, risoltasi in favore dell’erede solamente nel 2006. La vicenda è stata raccontata in diversi documentari e nel film Woman in Gold, diretto da Simon Curtis e interpretato da Helen Mirren.

Leggi anche:
“Woman in Gold” : al cinema l’arte di Klimt e il dramma nazista

Adele Bloch-Bauer
Gustav Klimt, Ritratto di Adele Bloch-Bauer I, 1907. Olio su tela, 138×138 cm. New York, Neue Galerie

«Ritratto di Adele Bloch-Bauer», analisi dell’opera

L’opera è considerata la Monna Lisa d’Austria.
Un volto magnetico su un diafano décolleté e le mani intrecciate in una posa tutt’altro che naturale sono gli unici elementi figurativi che si stagliano su uno sfondo arabescato in cui l’oro è il colore dominante.

Le decorazioni, che non sono contorno dell’opera ma sua essenza strutturale, riprendono complicate geometrie, motivi e simboli antichi, come l’occhio di Horus della cultura egizia, e rimandano ai mosaici e ai preziosismi dell’arte bizantina.

A parte la raffigurazione dei lineamenti di Adele, il resto del quadro è bidimensionale, non c’è profondità, l’abito si perde nello sfondo luminosissimo. Tutto è oro fuorché una zona verde in basso a sinistra che simula il pavimento, separata da uno zoccolo dipinto a scacchi neri e bianchi.

L’estrema raffinatezza nelle forme e nei colori caldi contribuiscono a rendere la figura di Adele una sorta di donna gioiello rappresentata in una dimensione onirica, al di fuori del tempo e dello spazio.

A proposito di Gustav Klimt

Figlio di un artigiano orafo, Gustav Klimt fu essenzialmente decoratore e ornatista. Reputato uno dei maestri dell’Art Nouveau, fu una delle figure principali della Secessione viennese, il movimento nato da un gruppo di pittori ed architetti che si allontanarono dalla tradizione accademica per accostarsi alle correnti più innovative.

La donna è il soggetto preferito di Gustav Klimt, che la ritrae con una sensualità tale da suscitare spesso scandalo tra i suoi contemporanei. Non si possono però dimenticare i suoi paesaggi realizzati en plein air, tra Italia e Austria, con cui sperimenta tecniche e resa del colore che attingono da impressionismo, vedutismo ed espressionismo.


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra Newsletter

 

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle. 

Lorena Nasi
Condividi: