Al di qua del bene e del male | Bar Europa

Se smettiamo di attribuire importanza fondamentale a principi e diritti, lasciamo prevalere una certa “morale pubblica” che non fa differenza tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

Sia che si tratti del nostro rapporto tra esseri umani, tra specie diverse o con intelligenze artificiali, la “morale pubblica” giustifica il primato della tecnica sulla morale, della «scienza esatta persuasa allo sterminio» descritta da Salvatore Quasimodo in Uomo del mio tempo. È procedurale. Il bene e il male non hanno nessuna importanza. Purché sia rispettata una legge, una procedura, in generale, la forma, ogni cosa, anche la più abietta, è consentita. Al contrario, credere nell’esistenza di principi e diritti fondamentali, affermarli, tutelarli, farsene carico ogni giorno, è la premessa, sia pure in rapporto alle altre specie o ai robot, per essere umani.

Ne abbiamo parlato nel Bar Europa al Rock Night Show con don Vittoradolfo Tambone, professore di Bioetica alla Università Campus Bio-Medico di Roma. Buon ascolto!




***

Frammenti è una rivista online di attualità e cultura edita dall'associazione culturale no profit Il fascino degli intellettuali.
Se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una piccola donazione!


Michele Gerace

Scuola "cento giovani", avvocato, presidente dell'Osservatorio sulle Strategie Europee per la Crescita e l'Occupazione, fondatore tra i fondatori di Fonderie Digitali, ideatore di "Costituzionalmente: il coraggio di pensare con la propria testa", assiduo frequentatore del Bar Europa e dell'omonima rubrica al Rock Night Show su Radio Godot, in ufficio alle prese con il diritto e le politiche dell'Unione europea.
Michele Gerace
Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.