Al di qua del bene e del male | Bar Europa

Se smettiamo di attribuire importanza fondamentale a principi e diritti, lasciamo prevalere una certa “morale pubblica” che non fa differenza tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

Sia che si tratti del nostro rapporto tra esseri umani, tra specie diverse o con intelligenze artificiali, la “morale pubblica” giustifica il primato della tecnica sulla morale, della «scienza esatta persuasa allo sterminio» descritta da Salvatore Quasimodo in Uomo del mio tempo. È procedurale. Il bene e il male non hanno nessuna importanza. Purché sia rispettata una legge, una procedura, in generale, la forma, ogni cosa, anche la più abietta, è consentita. Al contrario, credere nell’esistenza di principi e diritti fondamentali, affermarli, tutelarli, farsene carico ogni giorno, è la premessa, sia pure in rapporto alle altre specie o ai robot, per essere umani.

Ne abbiamo parlato nel Bar Europa al Rock Night Show con don Vittoradolfo Tambone, professore di Bioetica alla Università Campus Bio-Medico di Roma. Buon ascolto!

 

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle.

Michele Gerace
Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.