fbpx

Gli allevamenti di pesci non sono una soluzione ma un problema

In collaborazione con il Festival delle Geografie, che si terrà a Villasanta (MB) dal 15 al 19 settembre

4 minuti di lettura

L’associazione Essere Animali, già presente al Festival delle Geografie di Villasanta nella seconda edizione, ha pubblicato diversi articoli sulle condizioni degli oceani e sul grave impatto che la pesca, e soprattutto gli allevamenti, hanno sui pesci. Si tratta di una tematica urgente e fondamentale, non solo per il numero di animali coinvolti, ma anche per il futuro del pianeta. Hanno pensato di riassumere e raccontare le problematiche principali dell’acquacoltura con 5 fotografie, scattate da Selene Magnolia per We Animals Media, durante l’indagine che hanno realizzato insieme in Grecia.

1 – Le condizioni dei pesci

Esistono diverse tipi di gabbie, sia a terra che in mare. Qui gli animali vivono in condizioni di sovraffollamento per anni, il tempo necessario a raggiungere il peso sufficiente per essere macellati. Nelle vasche raramente si trovano arricchimenti ambientali, i pesci nuotano in cerchio e spesso sono infestati da pidocchi e altri parassiti che causano loro ferite e lacerazioni. Il tasso di mortalità dei branzini e delle orate allevati nel Mediterraneo è di circa il 20%: in altre parole, un pesce su cinque muore prima di essere macellato.

allevamenti di pesci
 ©Selene Magnolia

2 – L’inquinamento

Gli allevamenti intensivi di pesci che si trovano in mare rilasciano nell’ambiente numerose sostanze inquinanti, inclusi mangimi, feci, farmaci, antibiotici, insetticidi, pesticidi. La diffusione di queste sostanze causa numerosi problemi ambientali e contribuisce a creare ceppi di batteri resistenti agli antibiotici. Soltanto in Grecia, Paese leader nella produzione di orate e branzini, esistono 302 siti produttivi e ognuno di essi conta decine di gabbie: è difficile quantificare l’inquinamento provocato, ma è sicuramente notevole.

 ©Selene Magnolia

3 – La sofferenza degli animali

Una volta pronti per la macellazione, i pesci vengono pescati in grosse reti, dove si dimenano e si feriscono per tentare di fuggire. Quelli che rimangono nel fondo vengono schiacciati dal peso degli altri individui. I pesci sono esseri senzienti perciò, anche se non possiamo sentire le loro grida, sappiamo che sono capaci di provare dolore e paura.

allevamenti di pesci
 ©Selene Magnolia

4 – Stordimento e macellazione

Dopo essere stati prelevati dall’acqua, orate e branzini vengono immersi ancora vivi in cassoni contenenti acqua e ghiaccio, dove possono trascorrere decine di minuti di agonia prima di morire. La macellazione arriva spesso quando loro sono ancora coscienti. Questa è una pratica profondamente dolorosa e che è stata condannata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità Animale (OIE) e dalla Commissione Europea.

allevamenti di pesci
 ©Selene Magnolia

5 – L’insostenibilità ambientale

Mentre gli oceani si svuotano, qualcuno guarda all’acquacoltura come a una alternativa sostenibile alla pesca industriale. Non è così: i mangimi dati ai pesci negli allevamenti contengono farina e olio di pesce proveniente da stock selvatici. Le specie allevate sono spesso carnivore, perciò hanno bisogno di altro pesce (selvatico) di cui cibarsi.

 ©Selene Magnolia

L’obiettivo è far riflettere sul catastrofico futuro che potrebbe aspettare le prossime generazioni e invitare a visitare il sito SalviamoGliOceani.it in vengono offerte informazioni e soluzioni e viene data la possibilità di scoprire quanto ne sai sul problema con un semplice test. Prova al link, qui.

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci iscrivendoti al FR Club o con una donazione.

Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra newsletter!

Fausta Riva

Fausta Riva nasce in Brianza nel 1990.
Geografa di formazione(Geography L-6) poi specializzata in fotografia al cfp Bauer.
Oggi collabora con agenzie fotografiche e lavora come freelance nel mondo della comunicazione visiva.
Fausta Riva nasce sognatrice, esploratrice dell’ordinario. Ama le poesie, ama perdersi e lasciarsi ispirare.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.