fbpx
Fonte: www.wikipedia.it

Le eroine femminili nei film di Studio Ghibli

5 minuti di lettura

Lontani da qualsivoglia canone cinematografico, i classici dell’animazione di Studio Ghibli sono dei veri e propri capolavori del mondo dei cartoons, amati in tutto il globo da un pubblico di tutte le età. Fondato nel 1985, Studio Ghibli si è da subito distinto dalle altre case di produzione in quanto, tramite una ferrea politica sugli adattamenti, ha ridefinito il principio di creazione cinematografica, rendendo i propri film assolutamente intoccabili e immuni da tagli e censure. Grazie ad un team di eccezionali disegnatori, fra cui Isao Takahata, ma soprattutto alle creazioni del grande Hayao Miyazaki, Studio Ghibli ha raggiunto una notorietà internazionale, scardinando i pregiudizi sull’animazione giapponese, spesso ritenuta violenta o volgare, e ha ricevuto numerosi riconoscimenti fra cui l’Oscar per il Miglior Film d’Animazione con La Città Incantata (Spirited Away, Hayao Miyazaki, 2001).

Fonte: www.wikipedia.it
Fonte: www.wikipedia.it

Caratteristica fondamentale dello studio nipponico, e in particolare del maestro Miyazaki, è la caratterizzazione delle figure femminili, quasi sempre protagoniste dei lungometraggi, che si distinguono grazie a personalità sempre diverse e particolareggiate, ognuna recante il proprio bagaglio individuale di storie ed esperienze pregresse. Senza mai ripetersi, mantenendo il vigente obbligo di rinnovo e originalità, i personaggi di Studio Ghibli possono considerarsi come creazioni complete, totalizzanti, articolate in ogni loro aspetto e che paiono vivere e avere una storia indipendentemente dai loro creatori. Permettendo il diretto confronto fra il pubblico e la vita dei personaggi, i disegnatori Ghibli danno spazio alla conoscenza umana, quasi relazionale, in modo che ogni spettatore si senta vicino e arrivi a comprendere ciò che avviene nell’animo di quelli che non sono semplici disegni.

Studio Ghibli
Fonte: www.wikipedia.it

Partendo dall’antesignana delle fanciulle miyazakiane, la nobile Nausicaa (Nausicaa della Valle del Vento, Hayao Miyazaki, 1984), valorosa combattente nonché promotrice di pace nel suo ventoso e selvaggio regno, le donne di Studio Ghibli, quasi sempre bambine o ragazze che ancora serbano fantasia e immaginazione, sono psicologicamente corpose, alle prese con le fragilità dell’infanzia e la forza unica della femminilità, che coniugano l’amore e la lealtà famigliare con la ricerca di affermazione e indipendenza. Ragazze assolutamente non comuni, le donne Ghibli si presentano fin da subito come individui speciali, sia per una particolare sensibilità o per stravaganti poteri magici, esse sono l‘elogio della diversità, sono una forte testimonianza di autoaffermazione scevra dal giudizio altrui, un esempio importante, soprattutto per i giovani, che fa capire come “diverso” non sia sinonimo di “strano”, ma bensì di “unico”.

Studio Ghibli
Fonte: www.wikipedia.it

Emblematiche sono la dolce e irriverente Kiki (Kiki Consegne a Domicilio, Hayao Miyazaki, 1989) piccola e inesperta strega che si accinge ad affrontare le avventure del suo noviziato, la splendida e misteriosa San (Princess Mononoke, Hayao Miyazaki, 1997), la ragazza lupo che lotta per difendere la foresta in cui è cresciuta, sino alla romantica e leale Chihiro (La Città Incantata, Hayao Miyazaki, 2001) che affronta innumerevoli insidie per salvare i suoi genitori e il ragazzo che ama.  Molte e molte altre figure riempiono l’universo Ghibli, alcune talmente indimenticabili da essere diventate miti del cinema giapponese. Come dimenticare la perseveranza e l’intraprendenza della bella Sophie (Il Castello Errante di Howl, Hayao Miyazaki, 2004) o la struggente e poetica principessa Kaguya (Storia della Principessa Splendente, Isao Takahata, 2013)?

Hayao Miyazaki
Fonte: www.wikipedia.it

È inoltre evidente in tutte loro la predominanza dell’amore e dei legami familiari, venati da un profondo sentimento di onore e fedeltà costitutivo della tradizione giapponese, ma al tempo stesso è importante la loro forte individualità, il percorso e lo sviluppo che queste giovani donne affrontano per raggiungere consapevolezza e maturità. Sempre ricchi di fantasia, avventura e quel pizzico di azione che rende tutto più coinvolgente, i film di Studio Ghibli non sono le classiche favole per bambini, ma sono racconti di vita vera, narrata con l’espediente di una storia fantastica, in cui i personaggi si scontrano con le gioie e i dolori dell’esistenza, senza mai lasciarsi sopraffare dalle difficoltà, ma sempre pronti a superare gli ostacoli con dignità e amore. E questa lezione è forse la più grande delle magie di Studio Ghibli.

 

Anna Maria Giano

Mi chiamo Giano Anna Maria, nata a Milano il 4 marzo 1993. Laureata Lingue e Letterature Straniere presso l'Università degli Studi di Milano, mi sto specializzando in Letterature Comparate presso il Trinity College di Dublino.Fin da bambina ho sempre amato la musica, il colore, la forza profonda di ciò che è bello. Crescendo, ho voluto trasformare dei semplici sentimenti infantili in qualcosa di concreto, e ho cercato di far evolvere il semplice piacere in pura passione. Grazie ai libri, ho potuto conoscere mondi sempre nuovi e modi sempre più travolgenti di apprezzare l'arte in tutte le sue forme. E più conoscevo, più amavo questo mondo meraviglioso e potente. Finchè un giorno, la mia vita si trasformò grazie ad un incontro speciale, un incontro che ha reso l'arte il vero scopo della mia esistenza... quello con John Keats. Le sue parole hanno trasformato il mio modo di pensare e mi hanno aiutata a superare molti momenti difficili. Quindi, posso dire che l'arte in tutte le sue espressioni è la ragione per cui mi sveglio ogni mattina, è ciò che guida i miei passi e che motiva le mie scelte. E' il fine a cui ho scelto di dedicare tutti i miei sforzi, ed è il vero amore della mia vita.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.