«Il frutto della conoscenza» di Liv Strömquist: la storia della vagina a fumetti

Liv Strömquist è un’artista e conduttrice radiofonica svedese, nata a Österlen e trasferitasi a Malmö. Liv è un’attivista politica interessata soprattutto alle questioni di genere e femminili, oltre che a temi legati all’immigrazione, al terzo mondo, alla diversità e alle discriminazioni. Il frutto delle sue lotte sono alcune divertenti opere a fumetti, di carattere pop e dallo stampo satirico, irriverente, tradotte in molte lingue e pubblicate in Italia da Fandango: La rosa più rossa si schiude (2020); Il frutto della conoscenza (2019), I’m every Woman (2019) e I sentimenti del principe Carlo (2018).Tra queste, Il frutto della conoscenza (acquista) offre a lettori e lettrici un’analisi approfondita e divertente della “storia” dei genitali femminili e, di conseguenza, della sessualità.

Il frutto della conoscenza

Si tratta di un’opera istruttiva, di stampo saggistico, che diverte attraverso il suo stile a fumetti semplice ma pungente: una breve storia della vagina e del sesso a didascalie e balloon (nella prima metà in bianco e nero, poi a colori) che, lungi dall’essere soltanto una approfondimento storico, mette in luce tabù, pregiudizi e falsi miti che hanno circondato e circondano l’universo femminile.

Leggi anche:
La differenza come stato mentale: una lettura del femminismo

Per farlo, l’autrice non risparmia personaggi ed epoche storie diverse, riservando una critica pungente e irriverente per chiunque: dalla Preistoria all’Antica Grecia, da Adamo ed Eva a Sant’Agostino, da fiabe come La bella Addormentata fino a Sigmund Freud, dalla religione indiana fino alla stretta biologia, da Jean Paul Sartre fino a Beyoncé, questa storia fuori dalle righe unisce credi e culture, epoche e generazioni, in un risultato accurato e ben sviluppato che mostra come il silenzio e al tempo stesso l’ossessione legati al corpo femminile tramandino ancora oggi sottili ma persistenti conseguenze sulla sessualità.

Leggi anche:
Djuna Barnes: lo scandalo della scrittura

Il frutto della conoscenza

Lo stile ironico rende il libro non solo accessibile, ma spiritoso, alla mano, rivolgendosi a lettrici e lettori di diverse età: Liv per esempio crea una divertente classifica con gli uomini della storia che sono stati TROPPO interessanti al cosiddetto “all’organo sessuale femminile”.

SPOILER: il primo posto è dedicato alla banda che decise di riesumare la regina Cristina di Svezia nel 1965 per controllare che questa fosse effettivamente una donna!

Il frutto della conoscenza

 


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra Newsletter

La cultura è reale solo quando è condivisa, potremmo dire parafrasando Lev Tolstoj. La cultura vive solo nello scambio, nella condivisione; altrimenti rimane lettera morta. Ed è proprio per questo motivo che nasce il FR Club: condividere cultura, far parte di un gruppo che si riconosce nei valori della cultura. Scopri di più.

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle. 

Condividi: