Il «violinista mancino»: Mario Brunello e Gianni Canova sul Chaplin musicista

«Cercare di descrivere e comprendere il genio di Chaplin è come pretendere di misurare l’oceano con una tazza»: un’impresa impossibile. Con queste parole dell’attore Jerry Lewis ha esordito ieri Gianni Canova, critico cinematografico, giornalista e volto noto di Sky Cinema, che insieme a Mario Brunello, uno dei migliori violoncellisti al mondo, si presenta al pubblico del Teatro Filarmonico di Verona in un concerto-racconto dal titolo Chaplin, immagini musicali e sonorità visive, secondo incontro in questo 2018 dell’associazione culturale IDEM-percorsi di relazione (prossimo appuntamento della rassegna Ornamento e Delitto sabato 10 marzo con Philippe Daverio).

Chaplin

Teatro Filarmonico pieno a Verona per il secondo appuntamento di IDEM-percorsi di relazione dal titolo Chaplin, immagini musicali e sonorità visive

L’essenza della comicità di Charlie Chaplin

«Charlot sta al cinema come Mozart sta alla musica, come Van Gogh sta alla pittura», è così che sempre Canova presenta la figura tanto semplice quanto straordinaria di Charlie Chaplin, attore dall’infanzia tormentata che da escluso, da vagabondo ha saputo guardare dentro il proprio spettatore, tirando fuori la parte più fragile e indifesa del nostro sentire.

L’essenza della sua comicità sta infatti nel contrasto che oppone la bombetta troppo stretta ai pantaloni troppo larghi, un’ironica forma di dignità nel vestire che stride con la dura realtà sociale in cui Chaplin è costretto a vivere. Il suo essere è ultima traccia della tradizione della farsa e di una generazione di poveri e miserabili pagliacci, teatranti che grazie al cinema si prendono la propria rivincita sbeffeggiando l’uomo di potere, che, investito della divisa, diventa cinico e egoista.

Chaplin

Charlie Chaplin nel film Il monello (1921)

La passione per la musica

Mario Brunello getta luce su un aspetto ingiustamente trascurato di Charlie Chaplin, ovvero la sua grande passione per la musica, in particolare per violoncello e per il violino, a cui fa modificare le corde perché mancino. Stimato e apprezzato da Debussy e Rachmaninov, Chaplin compone le straordinarie musiche che hanno sonorizzato alcuni dei suoi film più amati, oltre a dirigere le orchestre durante le registrazioni delle colonne sonore.

Chaplin

Charlie Chaplin “violinista mancino”  – fonte: www.allocine.fr

Oh! That Cello

Nel 1916 insieme al collega e amico Bert Clark pubblica più di 2000 copie di Oh! That Cello, tre melodie per violoncello. Ben presto la casa editrice fallisce e Chaplin abbandona con solo tre copie vendute il suo sogno di affermarsi come musicista e compositore.

Chaplin

Copertina dell’album Oh! That Cello (1916) con le musiche composte da Charlie Chaplin

Al Teatro Filarmonico, Mario Brunello, accompagnato da Massimo Somenzi al pianoforte, con la collaborazione di Francesco Lopergolo, ha saputo dare vita a una suggestiva e poetica commistione tra cinema e musica dove alla proiezione dei frammenti dei film più significativi di Chaplin – Tempi Moderni, Luci della città, Il Monello, La febbre dell’oro… – si sono accompagnate le colonne sonore eseguite dal vivo.

Chaplin

Il violoncellista Mario Brunello sul palco del Teatro Filarmonico di Verona esegue le musiche composte da Charlie Chaplin

Come dichiara lo stesso Brunello, si tratta di un percorso arrangiato a pelle, un gruppo di tre canzoni, distinte da intermezzi musicali di Gershwin e Piazzolla e caratterizzate in fondo da un sottile senso di malinconia, che ancora una volta sottolinea lo sguardo candido e quasi primitivo con cui Chaplin osservava e interpretava il mondo, «una capacità di osservazione del quotidiano straordinaria che arriva all’essenza interiore del vivo».

Related Post

Condividi:

Valentina Cognini

Nata a Verona 22 anni fa, ancorata alle sue radici marchigiane, in sintonia con il sentire del conterraneo Giacomo Leopardi. Dopo uno stage al Museo del Louvre e alla Pinacoteca di Brera, si è laureata in Conservazione dei beni culturali a Venezia. Ora è tornata a Parigi per specializzarsi in Museologia all'Ecole du Louvre, la cricca di storici dell'arte più ganzi che ci sia. Fa la pace con il mondo quando va a cavallo e quando disquisisce con il suo cane.