fbpx

L’inerzia, il pensiero e l’azione

1 minuto di lettura

In fisica quando un corpo persevera nel suo stato di quiete o di moto uniforme e rettilineo, a meno che non sia costretto dall’intervento di una forza a mutare quello stato, si dice che procede per inerzia.

Dagli Atti della Real Accademia delle Scienze

Nei comportamenti umani, la qualità di chi è inerte corrisponde ad una tendenza abituale all’immobilità e all’inattività. In politica, alla mancanza di idee e di iniziativa.

L’inerzia trascina con una corda l’accidia, nell’opera Il Trionfo della Virtù che Andrea Mantegna ha dipinto nel 1502 e che è esposto al Museo del Louvre

In ogni caso è sufficiente una forza impressa al corpo per modificarne lo stato inerziale, deviandolo, rallentandolo, o accelerandolo.

Leggi anche
L’ordito, la trama e l’intreccio della nostra esistenza

In fisica, può esserlo una forza come, tra le altre, la forza di gravità; nei comportamenti umani, una particolare motivazione e, lo stesso vale in politica, il risveglio spirituale, il pensiero e l’azione.

Oltre agli appelli ai principi e alle buone ragioni, dovremmo abitare il mondo come si deve, con le idee e con l’iniziativa, essere ed invitare ad essere nel mondo, prendervi parte senza lasciare che ci sfugga. Come italiani e come europei, dovremmo scegliere di diventare la Repubblica che siamo.

Michele Gerace

Scuola "cento giovani", avvocato, presidente dell'Osservatorio sulle Strategie Europee per la Crescita e l'Occupazione, fondatore tra i fondatori di Fonderie Digitali, ideatore di "Costituzionalmente: il coraggio di pensare con la propria testa", assiduo frequentatore del Bar Europa e dell'omonima rubrica al Rock Night Show su Radio Godot, alle prese con il diritto e le politiche dell'Unione europee. Responsabile del progetto "La Fondazione Luigi Einaudi per la Scuola". Alla ricerca di un principio costituente del mondo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.