fbpx

Uomo o bestia? Casi antichi di licantropia

Chiunque conosce i lupi mannari, veri protagonisti dell'immaginario fantasy internazionale; ma da dove nasce questa figura così antica, affascinante e sinistra?

9 minuti di lettura

Lupo mannaro o licantropo: personaggio del folklore, presente spesso in racconti popolari e dotato della capacità di passare dalla forma umana a quella di lupo. Essere infido e ingannatore, la cui doppia natura è insita nello stesso nome (o nomi) che si è soliti attribuirgli: “lupo mannaro” deriva da lupus hominarius, una forma di latino popolare in cui è presente la stessa radice di homo (uomo), mentre il termine “licantropo” nasce dall’unione di  λύκος (lykos, lupo) e ἄνθρωπος (anthropos, uomo). Si tratta dunque di una creatura che si colloca al limite tra la sfera bestiale e quella umana, partecipe delle due nature e al contempo lontana da entrambe, incapace di controllare i propri istinti e perciò temuta in ogni dove. La sua scia di sangue e terrore ha origini molto antiche e varie diramazioni: una di esse porta in Arcadia.

Leggi anche:
Alle origini della mitologia e della letteratura

L’Arcadia. Una regione della Grecia da sempre legata all’idea di una tranquillità bucolica e pastorale, protagonista di innumerevoli ricostruzioni idilliache. Eppure, questo luogo tanto idealizzato nasconde una realtà ancestrale e cruenta, fatta di sacrifici umani, cannibalismo e metamorfosi lupesche. O almeno così racconta il mito.

lupo mannaro licantropia
Immagine di un licantropo al centro di un piatto proveniente da Vulci (525-500 a.C.).
Fonte: https://weblimc.org/page/monument/2086583

Apollodoro, Pausania, Platone e molti altri autori antichi tramandano la storia di Licaone, re dell’Arcadia, e della sua empietà: volendo testare l’effettiva divinità di Zeus, egli pone sulla tavola delle carni animali cucinate in vario modo e, tra di esse, nasconde anche la carne di un bambino – la sua identità varia a seconda del mito che si prende in considerazione: può essere suo nipote Arcade, il figlio Nittimo o un bambino “qualsiasi”. Zeus, indignato, decide di punire l’uomo e lo trasforma in un lupo. Ecco la trasformazione-punizione da parte del sovrano degli dei: una sorta di contrappasso imposto al sovrano, il quale sarà costretto a vivere come un lupo per il resto dei suoi giorni; lui che, essere umano, ha annullato la sua stessa umanità attraverso un “gesto animale”. Licaone, “falso” uomo incapace di vivere all’interno delle regole dettate dalla società, espulso dalla comunità e destinato a vagare nelle vesti dell’animale assetato di sangue per eccellenza, che spaventa proprio perché inganna con il suo aspetto di “falso” cane.

Leggi anche:
Plinio il Vecchio: inseguire la conoscenza a costo della vita

Alla leggenda di Licaone, il primo licantropo, si aggiunge un altro elemento al limite tra mito e storia. Diverse fonti, Pausania primo tra tutti, tramandano la pratica di sacrifici umani (gli unici su suolo greco) in onore di Zeus Lykaios – signore dei cambiamenti atmosferici – , il cui culto avveniva sul monte Liceo in Arcadia. Dopo aver preso parte alla mensa sacra, durante la quale si assumevano delle carni umane opportunamente sacrificate al dio, avveniva una trasformazione: i racconti dipingono scenari agghiaccianti, nei quali i sacrificanti si tramutavano in lupi e dovevano trascorrere otto o nove anni della loro vita in questa forma, per poi tornare nelle loro vesti originarie, a patto di non aver assunto carne umana nel lasso di tempo in questione. Uccisione e metamorfosi sono strettamente connesse, come a indicare un venire meno dell’umanità di fronte a un gesto tanto violento e innaturale.  A lungo si sono cercate delle evidenze archeologiche che potessero far luce su quanto narrato dagli autori antichi in merito ai sacrifici umani del Liceo, ma ad oggi non si possiedono delle prove definitive. Alla luce del background mitico di questo sito, è però interessante prendere in considerazione un ritrovamento del 2016: sotto l’altare di Zeus è stato rinvenuto lo scheletro di un adolescente databile all’XI secolo a.C. Non si possono trarre conclusioni troppo affrettate in merito, dato che si tratta di un unico corpo umano a fronte delle numerosissime ossa animali. Rimane, tuttavia, un fatto estremamente curioso.

Uno degli articoli dedicati alla scoperta archeologica del 2016.

Tornando ai lupi, altri autori come Plinio il Vecchio e Agostino, cercando di screditare delle credenze popolari sui versipelles (letteralmente “coloro che cambiano la pelle”, i mutevoli e ingannatori, per traslato i lupi mannari), parlano sempre di una trasformazione in lupo destinata a durare nove anni e reversibile alle stesse condizioni, ma che in questo caso avveniva passando attraverso uno specchio d’acqua. L’acqua, elemento liquido e cangiante, che proprio per la sua mancanza di forma costituisce un medium perfetto ai fini di un cambiamento di vesti.

Leggi anche:
Delfi: il dubbio degli uomini, il sussurro degli dèi

E come non citare il lupo mannaro di cui si parla durante la cena di Trimalchione petroniana? Un liberto racconta di aver visto un uomo trasformarsi in lupo nel bel mezzo di un cimitero, dopo aver abbandonato le proprie vesti e marcato il territorio, per poi dedicarsi a far razzia di greggi. Ferito al collo dal proprietario delle pecore da lui attaccate mentre ancora è in forma di lupo, fa poi ritorno a casa per ricevere delle cure e proprio qui il narratore lo nota e si rende conto di aver di fronte un versipellis: le stesse ferite riportate dal lupo compaiono su quell’uomo che poco prima aveva visto svestirsi e trasformarsi nel cimitero. Un vero e proprio “cambiamento di pelle”, in cui le vesti umane vengono gettate a terra come una maschera, svelando la natura più recondita dell’uomo. Uomo o bestia? Il confine diventa qui alquanto labile e sottile, mostrando due aspetti opposti che, al contempo, costituiscono dei travestimenti interscambiabili da indossare a piacimento.

È innegabile il legame che si crea tra il lupo mannaro-licantropo e la sfera della morte, del cruento, a cui l’uomo si vota con la conseguente perdita, temporanea o permanente, del proprio status di essere umano: un essere umano che non è più tale, un “falso”, bugiardo e ingannatore, come il Dolone (δόλος è l’inganno) omerico che si traveste proprio da lupo per compiere le sue malefatte ai danni di altri uomini. Irrazionalità, crudeltà e menzogna si concretizzano nella figura dell’uomo-lupo, il quale mostra la parte più bestiale dell’umanità e proprio per questo incute timore.

lupo mannaro licantropia
Lekythos attica raffigurante Dolone travestito da lupo: Fonte:https://weblimc.org/page/monument/2107800

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club!

Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra newsletter!

Bibliografia

Autori antichi citati con passi relativi al lupo mannaro o sacrifici umani del monte Liceo:
Agostino, De Civitate Dei 18,  17
Apollodoro, Biblioteca III 8, 1-2
Pausania, Periegesi della Grecia, VI 8, 2; VII 2
Petronio, Satyricon 61, 6 – 62, 10
Platone, Repubblica, 565d-e
Plinio il Vecchio, Storia Naturale, VIII 34

Bibliografia contemporanea:
W. Burkert, La religione greca di epoca arcaica e classica (1981)
D. D. Hughes, I sacrifici umani nell’antica Grecia (1999)
G. Piccaluga, Lykaon. Un tema mitico (1968)

Eleonora Bonacina

Sognatrice disillusa, classe 2000. Proveniente dalla leggendaria Domodossola e milanese acquisita, sono attualmente una studentessa magistrale in Filologia, Letterature e Storia dell’Antichità. Appassionata da tutto ciò che ha una storia da raccontare - con un fetish per il curioso e l’assurdo - e nerd occasionale, vivo per i piccoli istanti rubati, facendo finta di giocare a pallavolo tra un libro e l’altro.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.