Osservare

Osservare significa misurare, interagire, essere | Bar Europa

Ci sono limiti che esistono solo nella nostra testa. Distinzioni di comodo, confini utili solo a rassicurarci. Tranquillanti sintetici che ottundono sensi e ragione, e che sintetizzano paura e coraggio. Deviazioni da un rapporto autentico con noi stessi e con la realtà in cui viviamo. Riduzioni di pensiero e azione che, prive di un sistema di orientamento valoriale e conoscitivo, sono incapaci di osservare, misurare o cogliere la complessità dei fenomeni che pretendono di governare.

Nella meccanica, classica o quantistica che sia, osservare qualcosa significa alterarne lo stato. Misurare il mondo con i propri passi, fermarsi a guardarlo, sorprendersi e riprendere il cammino, è esserne parte. Governare la complessità è impossibile, comprenderla è possibile solo se la si abita lungo confini che sono indistinti e indistinguibili. Conoscere vuol dire confrontare e intrecciare chi siamo con chi potremmo essere. Specchiarsi negli altri, come davanti ad un’opera d’arte, e riconoscersi tra esseri umani significa aprirsi ad un’ipotesi di futuro.

Ne abbiamo parlato nel Bar Europa al Rock Night Show su Radio Godot insieme a Piero Dominici, sociologo, filosofo e direttore scientifico del Complexity Education Project presso l’Università di Perugia, e Giovanni Organtini, professore associato di Fisica Sperimentale dell’Università di Roma “Sapienza”, ideatore di Fisicast e membro del Comitato di Coordinamento Nazionale del progetto Art & Science across Italy organizzato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e dal CERN di Ginevra. Buon ascolto!




***

Frammenti è una rivista online di attualità e cultura edita dall'associazione culturale no profit Il fascino degli intellettuali.
Se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una piccola donazione!


Michele Gerace

Scuola "cento giovani", avvocato, presidente dell'Osservatorio sulle Strategie Europee per la Crescita e l'Occupazione, fondatore tra i fondatori di Fonderie Digitali, ideatore di "Costituzionalmente: il coraggio di pensare con la propria testa", assiduo frequentatore del Bar Europa e dell'omonima rubrica al Rock Night Show su Radio Godot, in ufficio alle prese con il diritto e le politiche dell'Unione europea.
Michele Gerace
Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.