Premio Pulitzer 2020: ecco tutti i vincitori per ogni categoria

Lunedì 4 maggio negli Stati Uniti è stato assegnato il prestigioso Premio Pulitzer 2020. Il Premio, istituito da Joseph Pulitzer (1847-1911) e gestito dalla Columbia University di New York, è stato inaugurato nel 1917 (quella del 2020 è stata l’edizione numero 104) e viene assegnato ogni anno al giornalismo, alla letteratura, al teatro e alla musica.

L’annuncio dei vincitori del Premio Pulitzer 2020 è stato spostato dal 20 aprile al 4 maggio per il coinvolgimento di alcuni membri del comitato del premio nella gestione dell’emergenza Coronavirus. Vale la pena ricordare che il 4 maggio è una data importante per il premio, poiché proprio in quel giorno Ernest Hemingway è stato premiato con Il vecchio e il mare nel lontano 1953.

Leggi anche:
Perché devi leggere «Tutto chiede salvezza» di Daniele Mencarelli

Per la prima volta, nel 2020 è stato assegnato per il giornalismo il premio della categoria Audio Reporting (Giornalismo audio) per il miglior podcast.

A Colson Whitehead il Premio Pulitzer 2020 per la Narrativa

La giuria ha assegnato il Premio Pulitzer 2020 per la narrativa allo scrittore afroamericano Colson Whitehead – classe 1969 – per il suo romanzo I ragazzi della Nickel (titolo originale: The Nickel Boys), edito in Italia da Mondadori (acquista). Il romanzo prende spunto dalla storia vera del riformatorio Arthur G. Dozier School for Boys di Marianna, in Florida, e narra dell’esperienza del protagonista, Elwood Curtis, nella Nickel Academy, istituto di correzione che si rivela essere un vero luogo degli orrori, affrontando, così, un’altra pagina della storia della violenza razziale in America.

Questa la motivazione della giuria del Premio Pulitzer:

«A spare and devastating exploration of abuse at a reform school in Jim Crow-era Florida that is ultimately a powerful tale of human perseverance, dignity and redemption.»

«Un’indagine asciutta e sconvolgente della violenza in un riformatorio in Florida ai tempi delle Leggi Jim Crow: in definitiva, una storia potente di determinazione umana, dignità e riscatto»*.

Traduzione (a cura dell’autore dell’articolo)

Per lo scrittore nativo di New York si tratta della seconda vittoria del premio, dopo la precedente nel 2017 con La ferrovia sotterranea (titolo originale: The Underground Railroad), edito in Italia da Sur Edizioni, diventando così il quarto autore dopo Booth Tarkington, William Faulkner e John Updike a vincere il premio per la seconda volta.

Da ricordare anche i semifinalisti per la sezione di narrativa: Ben Lerner con Topeka School, edito in Italia da Sellerio, e Ann Patchett con The Dutch House, ancora inedito in Italia.

Premio Pulitzer 2020: tutti i vincitori

Quanto alle altre categorie, i vincitori del Premio Pulitzer 2020 annunciati in diretta da Dana Canedy, amministratrice del Premio, sono i seguenti.

Per il Giornalismo (Journalism)

  • Breaking News Reporting (Giornalismo di Breaking News): Staff di The Courier-Journal di Louisville, Kentucky;
  • Investigative Reporting (Giornalismo investigativo): Brian M. Rosenthal del New York Times;
  • Explanatory Reporting (Giornalismo esplicativo): Staff del Washington Post;
  • Local Reporting (Cronaca locale): Staff del The Baltimore Sun;
  • National Reporting (Cronaca nazionale): ex aequo tra T. Christian Miller, Megan Rose e Robert Faturechi di ProPublica e Dominic Gates, Steve Miletich, Mike Baker e Lewis Kamb del Seattle Times;
  • International Reporting (Cronaca internazionale): Staff del New York Times per i reportage sulla Russia di Putin;
  • Feauture Writing (Storie e approfondimenti): Ben Taub del New Yorker;
  • Commentary (Opinioni): Nikole Hannah-Jones del New York Times;
  • Criticism (Critica): Christopher Knight del Los Angeles Times;
  • Editorial Writing (Editoriali): Jeffrey Gerritt del Palestine Herald-Press di Palestine, Texas;
  • Editorial Cartooning (Disegni e vignette): Barry Blitt, collaboratore del New Yorker;
  • Breaking News Photography (Fotografia di Breaking News): Photography Staff of Reuters;
  • Feature Photography (Servizi fotografici): Channi Anand, Mukhtar Khan e Dar Yasin di Associated Press;
  • Audio Reporting (Giornalismo audio): Staff di This American Life con Molly O’Toole del Los Angeles Times ed Emily Green di Vice News per The Out Crowd;
  • Public Service (Giornalismo per il bene pubblico): Anchorage Daily News in collaborazione con ProPublica;

Per la Letteratura, il teatro e la musica (Arts & Letters):

  • Drama (Teatro): Michael R. Jackson con A Strange Loop;
  • History (Storia): W. Caleb McDaniel con A Sweet Taste of Liberty: A True Story of Slavery and Restitution in America;
  • Biography (Biografie e autobiografie): Benjamin Moser con Sontag: Her Life and Work;
  • Poetry (Poesia): Jericho Brown con The Tradition;
  • General Nonfiction (Non-fiction): ex aequo tra Anne Boyer con The Undying e Greg Grandin con The End of the Myth: From the Frontier to the Border Wall in the Mind of America;
  • Music (Musica): Anthony Davis con The Central Park Five;

Menzione speciale

Durante l’evento del 4 maggio è stato inoltre assegnato il Premio Pulitzer 2020 per la categoria Special Citation (Menzione speciale). Dopo Aretha Franklin l’anno scorso, il premio in questa edizione è andato a Ida B. Wells (1862-1931) , giornalista e tra i primi leader del movimento per i diritti civili.


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra Newsletter

 

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle. 

Alberto Paolo Palumbo
Condividi: