Venezia75, le nuove sfide del cinema nel secondo giorno di Festival

Nuova giornata, nuova atmosfera. La seconda mattinata della mostra del cinema di Venezia si tratteggia come un mondo nuovo, un po’ più teso, ma per lo meno lontano dai convenevoli  politici che nelle ore precedenti si erano accavallati lungo il Lido. Ora è il  concorso a saturare l’aria di dibattiti e confronti, seppur con la frettolosa ed emozionante voglia di decretare, di pellicola in pellicola, vinti e vincitori.

mostra del cinema 75
Foto di Alessandro Cavaggioni. Tutti i diritti riservati

Dove inizi l’arte e finisca l’agonismo sembra però un problema esclusivamente giornalistico. Uno dei tanti tra quelli che si perdono nel nulla ad ogni fine proiezione. Se durante questa seconda giornata qualcuno provasse  ad esempio a rievocare la lunga discussione sul cinema e le produzioni Netflix si troverebbe davanti all’inutilità di essa e alla grandiosità di Roma,  ultimo film di Alfonso Cuaron, prodotto da Netflix e accolto al Lido con emozionanti applausi.  È lui il vero fiore all’occhiello di questa seconda giornata, e probabilmente di questa mostra. Perché il sorprendente modo con cui è riuscito a riscaldare i propri estasiati spettatori attraverso un bianco e nero che racconta la versione inventata dell’infanzia del suo autore, sembra gettare nel ridicolo chiunque avesse anche solo accennato qualche timido dubbio. Non importa sia Netflix, non importa se qualcuno lo vedrà sul tablet o sul pc, importa solo che esista per decretare la forza di un cinema ancora in ottima salute; e questo indipendentemente dai successivi, e discutibili, sistemi di distribuzione.

Leggi anche:
«Roma» – il cinema intimo di Alfonso Cuaron

mostra del cinema 75
Foto di Alessandro Cavaggioni. Tutti i diritti riservati

Il Lido sembra però non voler consumare ogni malinconica lacrima del proprio pubblico già durante il secondo giorno, e così affianca Roma all’ultimo film del folle regista greco Yorgos Lanthimos. The Favourite. Assurdo sembrerà agli appassionati della distopica filmografia del cineasta ateniese sentir parlare di commedia e risate, ma se è vero che la mostra nasconde inaspettate sorprese, questa, tra l’esultanza estasiata della stampa, si rivela tra le più apprezzate.  Non era infatti difficile percepire, già lungo la fila che conduce all’anteprima in sala grande,  l’amore con mille riserve dedicate a questo discutissimo regista. Perché se da un lato appare come una delle figure di spicco di un particolare cinema anti convenzionale, dall’altra si sperava fino in fondo che un film in costume potesse riscattare il suo immaginario forse troppo a lungo rinchiuso in se stesso. E così e stato, nonostante un finale ben troppo diluito.

Leggi anche:
«The Favourite» – un’assurda commedia in maschera

Ma sono minuzie, che interessano a molti, ma non a tutti; sicuramente non troppo a coloro che hanno trascorso questa seconda giornata sotto il sole in attesa che Emma Stone e Olivia Colman, magistrali protagoniste di questa commedia in maschera, apparissero lungo il più prezioso dei tappeti rossi. Inutile menzionare lo splendido, e assordante, canto che si è levato all’apparire della splendida signorina Stone.

mostra del cinema 75
Olivia Colman. Foto di Alessandro Cavaggioni. Tutti i diritti riservati

Mentre il secondo giorno si avvia alla conclusione si comincia a comprendere con quale finezza sia stato ideato il programma di quest’edizione. Perché i film in concorso, e non, appaiono dialogare, all’interno della propria giornata, attraverso centri comuni e iconografie lontane. Le donne come perno narrativo sono così il vero fulcro di questa giornata, espresse con la dolcezza di Cuaron in un racconto posato sull’ambiente matriarcale che lo formò, e subito poi con profana ironia nel triangolo di amore e potere di Lanthimos.

Una giornata di grande recitazione femminile dunque, plastica e senza limiti nei gesti di un Emma Stone sempre più matura e, intima ed imperdibile nel sorriso mexteco di  Yalitza Aparicio.

Frammenti a Venezia75: tutti gli articoli

Alessandro Cavaggioni

Appassionato di storie e parole. Amo il Cinema, da solo e in compagnia, amo il silenzio dopo una proiezione e la confusione di parole che esplode da lì a poche ore.
Un paio d'anni fa ho plasmato un altro me, "Il Paroliere matto". Una realtà di Caos in cui mi tuffo ogni qual volta io voglia esprimere qualcosa, sempre con più domande che risposte. Uno pseudonimo divenuto anche canale YouTube e pagina instagram.
Alessandro Cavaggioni
Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.