fbpx
calcata viterbo

Calcata, una reliquia unica al mondo

Alla scoperta dei borghi italiani: fra le "città del tufo" della Tuscia viterbese

3 minuti di lettura

«Una reliquia unica al mondo» aveva detto Stendhal del borgo di Calcata (VT), con la sua posizione geografica raccolta su una rupe circolare fatta di tufo giallastro.

Addirittura del tutto evacuata nel 1935 in quanto pericolante e con gli abitanti costretti a trasferirsi nella vicina Calcata Nuova, dagli anni Sessanta ha ripreso vita ed è stata eletta meta di villeggiatura e di “ispirazione” per artisti, musicisti, attori ed hippies provenienti da tutta Europa.

Calcata
Calcata. Fonte: wantedinrome.com

Si accede al borgo dal sottopassaggio della suggestiva doppia porta medievale, fino ad arrivare alla piazzetta, sfondo di numerosi soggetti cinematografici come La mazzetta di Sergio Corbucci del 1978 e Amici miei di Mario Monicelli del 1975.

Leggi anche:
Le Città del Tufo. Tra storia, natura e archeologia

Tutto intorno il tessuto edilizio è fitto e solcato da vicoli strettissimi che conducono ciascuno a solitarie balconate panoramiche sulle gole della valle del fiume Treja.

Su Piazza Vittorio Emanuele II affacciano il Palazzo Baronale, restaurato nel 2002 e a lungo sede delle istituzioni comunali, e la chiesa del Santissimo Nome di Gesù.

Calcata
Palazzo Baronale. Fonte: mytuscia.com

La chiesa conserva stucchi tardo-rinascimentali e un tabernacolo in marmi policromi del XVI secolo ma è più nota per aver ospitato per secoli una reliquia che la tradizione popolare identificava come il prepuzio di Gesù Bambino, trafugato dalla chiesa romana di San Giovanni in Laterano durante il Sacco di Roma del 1527.

Calcata
Chiesa del Santissimo Nome di Gesù. Fonte: Tripadvisor

Leggi anche:
Oriolo Romano, la città ideale della Tuscia

Calcata
Chiesa del Santissimo Nome di Gesù, interni. Fonte: Tripadvisor

Su un’altra piazzetta vicina prospetta una chiesa sconsacrata un tempo dedicata a San Giovanni Decollato, sede del Museo della civiltà contadina, oggi chiuso temporaneamente per lavori.

Calcata
Centro storico. Fonte: e-borghi.com

Gallerie d’arte private, spazi espositivi e installazioni all’aperto arricchiscono il panorama culturale di Calcata grazie a nomi come lo scultore Costantino Morosin, Giovanni Macchia e Stefano Zampieri, stabilmente residenti nel borgo da anni.

Calcata
Centro storico. Fonte: consiglinviaggio.it

Un ambiente spettacolare e intatto circonda la rupe tufacea di Calcata, protetta dal Parco regionale Valle del Treja, con la gola del fiume omonimo e la vegetazione tipica delle zone umide.

I sentieri che percorrono il parco arrivano fino a Civita Castellana e alle cascate di Monte Gelato, una attrazione da non perdere per gli amanti della natura.

Parco regionale Valle del Treja
Parco regionale Valle del Treja. Fonte: Wikipedia

Leggi anche:
Il Museo Diocesano di Velletri

Cascate di Monte Gelato
Cascate di Monte Gelato. Fonte: lazionascosto.it

Link utili: Parco regionale Valle del Treja

Calcata (VT)
Altitudine: 220 m
Abitanti: 911

Come arrivare:

  • In auto, da Roma si percorre la SS2 Cassia fino allo svincolo di Settevene; da qui si seguono le indicazioni per Calcata

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club!

Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra newsletter!

Gianpaolo Palumbo

Classe 1990, laureato in Scienze Politiche. Appassionato di storia, arte e cinema. "Per avere una narrazione è sufficiente che ci sia un narratore, una storia e qualcuno a cui raccontarla" (Andrea Bernardelli, "La narrazione", 1999).

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.