Bello significa perfetto? Alla ricerca di una ricetta contro il Body Shaming

Se facessimo una lista delle maggiori paure del XXI secolo nel mondo occidentale, forse tra le prime ci sarebbe quelle di perdere consenso. Non che si tratti di una fobia recente, sia chiaro, ma se leghiamo la dimensione dell’io – e tutto ciò che ne deriva – ai social, il fenomeno è immediatamente più evidente.

Noi, la bellezza, il consenso

Il concetto di bellezza – uno fra tutti – oramai associato a quello di estetica, ha subito un notevole cambiamento negli ultimi anni, nello specifico da quando i media hanno cominciato ad avere un ruolo costante e preponderante nella nostra quotidianità. In particolare, i social network sono diventati il nostro diario quotidiano, la nostra fonte di informazione e troppo spesso, in maniera erronea, li consideriamo vere e proprie macchine della verità. Così, ciò che viene dettato dagli “influencer” è moda, è all’avanguardia, ed è oggetto di desiderio e ambizione per molte ragazze e ragazzi. Il problema, o meglio, il lato oscuro della vicenda, si annida nella percezione evidentemente distorta dell’idea di bellezza, che questi personaggi si fanno carico di trasmettere. Un concetto standardizzato in canoni ben precisi ma anche semplici: bello significa perfetto. Corpi magri, privi di difetti, identità prive di elementi caratteristici, omologate e se vogliamo, banali.

Leggi anche:
Sul corpo

body shaming
Mandatory Credit: Photo by Evan Agostini/Invision/AP/Shutterstock (9971445sb). New York 2018 Victoria’s Secret Fashion Show – Runway, New York, USA – 08 Nov 2018

La paura del diverso, abbiamo imparato dalla storia, può causare odio e dolore, mettendoci gli uno contro gli altri in nome di ciò che noi stessi abbiamo definito “giusto”. Ecco, ai tempi di Instagram e Facebook, sembra non esserci spazio per un colore di pelle che non sia bianco, non c’è spazio per le malattie della pelle, per la cellulite, per i chili in più, o per i capelli fuori posto. La paura più grande? Perdere consensi, subire critiche, scatenare l’odio della gente. 

Che cos’è il Body Shaming

Da qualche anno sul web dilaga il fenomeno del Body Shaming, la derisione del corpo, che induce gli utenti dei social a prendere di mira qualsiasi caratteristica non rientri nei canoni della “normalità”. Di fatto, la vittima viene colpevolizzata per i propri difetti fisici per indurre in essa una sensazione di vergogna profonda che la faccia sentire inerme e disgustata così come lo sono coloro che le hanno rivolto l’attacco.

body shaming
Lizzo, oltre ad essere una cantante e musicista di successo, è diventata una paladina del Body Positive

Tuttavia, quello che agli occhi di molti può apparire come un commento tra tanti, per qualcun altro può trasformarsi in un vero e proprio trauma dalle gravi conseguenze psicologiche e fisiche anche dall’esito tragico. Non è raro leggere di morti precoci di giovani donne e uomini a causa di situazioni diventate insostenibili ai loro occhi. Il fenomeno viene esercitato nei confronti di entrambi i sessi ma si stima che sia il 48% la percentuale di donne ad essere vittime dei “leoni da tastiera”, e il 94% degli attacchi vengono rivolti agli adolescenti che pagano a caro prezzo il peso delle parole. In effetti, la fragilità delle loro emozioni, dello stato psicologico in cui vertono negli anni dello sviluppo e l’eccessiva fiducia che ripongono nei social network, li porta ad amplificare ciò che viene scritto o detto al punto di influenzarli irreversibilmente. 

Solo social?

Tuttavia, la colpa non è tutta dell’uso che facciamo dei social. Anche i media svolgono un ruolo a dir poco strategico nella diffusione di questi stereotipi. Siamo bombardati dalla televisione, dai giornali e dalla pubblicità con immagini falsate appartenenti ad una realtà edulcorata e dannosa che ci sottopone tutti ad un giudizio collettivo al quale nessuno sembra poter sfuggire. È quindi fondamentale agire alla radice della problematica, scardinando convinzioni e retaggi culturali ormai anacronistici per i tempi moderni. Un esempio positivo che merita di essere citato è quello della maison Gucci che nella scelta di modelle “fuori dagli schemi” si è attirata le critiche da ogni parte del mondo.

body shaming
Armine Harutyunyan-Da Vistanet

Ha destato scalpore la modella Armine Harutyunyan investita da migliaia e migliaia di commenti sprezzanti a causa del suo aspetto fisico. La giovane ventitreenne è stata sbattuta in prima pagina per settimane dai giornali più noti che hanno diligentemente riportato le peggiori critiche che le sono state rivolte sui social. La sua colpa più grande è stata quella di avere tratti somatici tipicamente armeni, non lineari ed estremamente particolari. Poco importa se sia brava e capace nel suo lavoro, è diversa e per questo merita disprezzo. Come lei, purtroppo, le donne dello spettacolo e le star internazionali sono i bersagli più facili da colpire perché mediaticamente esposti e per questo anche più vulnerabili. Tuttavia, nonostante possa essere difficile gestire il clamore e le critiche quando si ha un seguito importante alle spalle, è pur vero che la notorietà può essere un’arma vincente per far sentire la propria voce.

body shaming
Anche la cantante Billie Eilish è stata recentemente vittima di Body Shaming. Le sue foto in canottiera e ciabatte pubbliche dal Daily Mail hanno fatto il giro del web. Lo scatto è di Rolling Stones.

Dal Body Shaming al Body Positive

Sentiamo spesso parlare del “potere della condivisione” perché le parole giuste, pronunciate dalla persona giusta possono, in maniera sorprendente, influenzare il pensiero dell’opinione pubblica trasmettendo l’importanza di valorizzare la diversità e l’unicità di ogni individuo, passando da messaggi di body shaming a messaggi di body positivity.

Leggi anche:
A proposito del corpo nudo di Vanessa Incontrada

Molti gli esempi costruttivi che si possono citare come già fatto in precedenza: pensiamo a Winnie Harlow che sfila per Victoria’s Secret mostrando coraggiosamente la sua vitiligine che ricopre gran parte del suo corpo e che molto spesso è stata motivo di profonda sofferenza per la modella. Come lei, la cantante Rihanna è stata giudicata in sovrappeso, Lady Gaga invece eccessivamente fuori forma, Demi Lovato, Hilary Duff, Beyoncé e moltissime altre star internazionali combattono quotidianamente sui social per diffondere messaggi di accettazione del proprio corpo e per una cultura dell’inclusione.

body shaming
Winnie Harlow – Glamour UK

Una parola, inclusione, chiave per stigmatizzare i preconcetti sulla perfezione estetica. Quest’ultima sta diventando nociva come una malattia che si insinua lentamente dentro di noi fino a quando non raggiunge il totale controllo per farci cadere nella cattiveria; di quelle che feriscono nell’intimo tanto da trasformare le parole in macigni. C’è chi se li porta dentro per anni questi pesi, con disturbi alimentari o la depressione.

C’è un pensiero famoso, del regista Carlo Mazzacaruti che dice «ogni persona che incontri sta combattendo una battaglia di cui non sai nulla. Sii gentile, sempre». Ecco, forse, il segreto è che dovremmo farla tutti un po’ nostra. 

Questo contenuto è realizzato da Maria Calvano dell’associazione Ursula per Onde Rosa, un gruppo di attiviste di età compresa tra i 16 e i 30 anni che si occupa di gender equality. La revisione del pezzo è curata da Agnese Zappalà, coordinatrice della Redazione Politica e Attualità di Frammenti Rivista. Potete seguire Onde Rosa qui.

 


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra Newsletter

La cultura è reale solo quando è condivisa, potremmo dire parafrasando Lev Tolstoj. La cultura vive solo nello scambio, nella condivisione; altrimenti rimane lettera morta. Ed è proprio per questo motivo che nasce il FR Club: condividere cultura, far parte di un gruppo che si riconosce nei valori della cultura. Scopri di più.

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle. 

Redazione
Condividi: