Dylan/Schatzberg

«Dylan/Schatzberg. Fotografie 1965-1966»

Il libro evento

Cosa succede se si accoppiano nello stesso libro la personalità di Bob Dylan all’apice della sua carriera e la fotografia di Jerry Schatzberg

L’occasione è DYLAN/SCHATZBERG. Fotografie 1965-1966, edito Skira, che sarà presentato il prossimo 16 novembre per Bookcity 2018 a Milano, Palazzo Reale. All’evento ci saranno Enzo Gentile, Giovanna Calvenzi e Saturnino Celani.

Dylan/Schatzberg
 DYLAN/SCHATZBERG. Fotografie 1965-1966

Nel libro si torna alle origini della storia del musicista, i primi tempi della scena per entrambi. Si distinguono subito i tratti espressivi di entrambe le personalità, definite e incomplete allo stesso tempo.

Dylan/Schatzberg
DYLAN Dylan suona l’armonica 1965

Jerry Schatzberg, la carriera

Per sua natura, Jerry Schatzberg, è una persona che non si limita. 

Regista, sceneggiatore e fotografo: tutto ciò che riguarda l’immagine è il suo spazio vitale. Schatzberg nasce nel 1927 da famiglia ebrea e nel Bronx, una delle più note borough di New York. Italianizzando una della più note suddivisioni della città.

Leggi anche:
Woody Guthrie, il menestrello dalla vita disperata da cui sbocciò Bob Dylan

In tutta la sua carriera, i suoi successi sono costellati dai successi di chi lavora con lui o per lui. É così per Al Pacino, al suo debutto nel film Panico a Needle Park. Kitty Winn vince, con lo stesso film, il premio per la migliore interpretazione femminile al Festival di Cannes. 

Palma d’oro a Cannes con Un uomo da affittare e, ex aequo con Spaventapasseri, Schatzberg si consacra come mostro sacro del cinema. Spaventapasseri, capolavoro assoluto della sua storia da regista, è un film che prende il suo tempo mentre invade la sala e i suoi spettatori. Così fanno le sue immagini, dialogano tra cinema e fotografia, parlano la stessa lingua, mentre si distinguono.

L’incontro con Bob Dylan

Nella sua carriera, tra i set cinematografici e fotografici incontra personaggi che riescono a cambiare le carte in tavola in campi come quello dello spettacolo o della musica. Incontrare Bob Dylan è la sua routine quotidiana e questo gli permette di conoscerlo nel suo anno di gloria, l’anno di Blonde on Blonde. L’origine di una leggenda.

Dylan/Schatzberg
DYLAN Il concerto di Mineola 1965

Leggi anche:
“Fallen Angels”, l’ultimo capolavoro di Bob Dylan

Jerry Schatzberg scatta una serie di fotografie che ritraggono un pezzo di storia della musica. Gli anni a seguire per Dylan sono gli anni delle oltre cento milioni di dischi venduti. Ancora oggi rimane uno degli artisti più richiesti di tutti i tempi. 

Dylan/Schatzberg
Bobby Neuwirth gioca a fotografare Dylan 1965

Come soggetto fotografico, Dylan era il migliore. Bastava puntargli addosso l’obiettivo e le cose semplicemente accadevano. Abbiamo avuto un buon rapporto e lui era disposto a provare qualsiasi cosa.

Jerry Schatzberg
Dylan/Schatzberg
Dylan scherza 1965

Leggi anche:
Un lungo spettacolo chiamato Bob Dylan

Related Post

Condividi:

Fausta Riva

Fausta Riva nasce in Brianza, il 7 novembre 1990. Il suo intento, quello di accostare la visione fotografica a quella geografica, cercando un modo per spiegare il mondo, per capirlo. Fausta Riva nasce sognatrice, esploratrice dell’ordinario. Ama le poesie, ama perdersi e lasciarsi ispirare.