«Il bacio» di Klimt, l’eleganza del desiderio

Un uomo e una donna si abbracciano, si stringono, si baciano in un luogo sospeso, fuori dal tempo e dello spazio, fatta eccezione per un prato fiorito che correda la scena. Difficile per chi si fa strada tra le sale della Österreichische Galerie Belvedere di Vienna non soffermarsi su Il bacio (1907-1908) di Gustav Klimt, olio su tela di imponenti dimensioni che resta ancora oggi una delle opere più evocative ed emozionanti della storia dell’arte. Il motivo?

«Il bacio» di Gustav Klimt: analisi dell’opera

Partendo da un soggetto estremamente umano, Klimt arricchisce il quadro di numerose referenze storico-artistiche che trasformano i due amanti nel manifesto per eccellenza dell’arte secessionista viennese.

L’oro applicato a foglia, elemento decorativo prediletto dallo Stile Liberty, è qui un motivo chiave che annovera l’opera tra i capolavori del cosiddetto periodo aureo del pittore. L’ispirazione viene dai mosaici bizantini della Basilica di San Vitale di Ravenna che Klimt visitò cinque anni prima durante il suo viaggio in Italia.

Leggi anche:
«Giuditta I»  di Gustav Klimt: l’erotismo vestito d’oro

il bacio, klimt
Gustav Klimt, Il bacio, 1907-1908, olio su tela, 180 cm x 180 cm, Österreichische Galerie Belvedere, Vienna

Per dare profondità alla composizione, Klimt gioca con i contrasti di toni e di colore, insieme a un esasperato uso di motivi geometrici e floreali. Mentre l’uomo indossa una tunica in oro su cui sono applicati rettangoli bianchi e neri, la veste della donna è adornata di spirali e cerchi colorati. Forme complementari denotano sesso e personalità opposte che si incontrano e si completano proprio nel momento del bacio.

Leggi anche:
Dieci rivisitazioni de «Il bacio» di Klimt

Interessante notare che per quest’opera Klimt sceglie un formato perfettamente quadrato, 180 cm x 180 cm, sicuramente inusuale, che mette in risalto la centralità dei due protagonisti e del loro amore.

La vita che sboccia intorno alla coppia, simboleggiato dal manto erboso particolarmente colorato e rigoglioso e, l’estasi fisica e spirituale, che qui si trasforma in una nuvola d’oro, sono gli indizi di un quadro che si fa specchio della passione e dell’idillio nel momento dell’innamoramento, fisico ed emotivo, in cui i due amanti diventano un corpo unico.

Mentre intravediamo solo il profilo e la nuca dell’uomo, della giovane donna possiamo ammirare i tratti dolci e le mani sottili ma delicate, mentre i suoi occhi si chiudono, per esprimere il trasporto del sentimento e la potenza del contatto fisico. Per Klimt è infatti la donna punto cardine della coppia, è lei che dialoga con l’osservatore perché rappresenta il legame con la vita, la depositaria del mistero dell’amore capace di generare altra vita.

Leggi anche:
Fertilità, tentazione e passionalità: le donne di Gustav Klimt

Non è però solo passione quella che traspare dalla tela del pittore viennese. Come era stato per Il bacio (1859) di Francesco Hayez, Il bacio di Klimt è entrato nell’immaginario collettivo, diventando icona della cultura pop, proprio perché capace di raccontare con estrema delicatezza e un velo di tenerezza un sentimento amoroso che non ha tempo e confini e che esprime tutta la sua intensità nella gestualità dei suoi protagonisti per ricordarci che l’amore è sentimento ma è anche corpo, fisicità, incontro.


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra Newsletter

 

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle. 

Valentina Cognini
Condividi: