Moana Pozzi: apologia di una diva

Criticata, bersagliata, invidiata, ma al contempo amata, osannata, adulata da generazioni di giovani e meno giovani che usufruivano delle sue pellicole porno per fini che non stiamo qui a specificare. Stiamo parlando di Moana Pozzi, una delle pornodive più famose di tutti i tempi.

Una vita e una morte all’insegna dell’eros

Scrivere un pezzo sulla biografia di Moana apparirebbe decisamente ridondante, in quanto ce ne sono diverse e tante già su internet. Su Moana si è detto tutto e il contrario di tutto. Per questo, ciò che vogliamo mettere in evidenza in questo articolo è il potenziale erotico della figura di Moana Pozzi, una donna e una pornodiva che ha attraversato intere generazioni, diventando poi un mito a causa della sua prematura scomparsa.

moana pozzi
Moana Pozzi (Google images)

La morte stessa di Moana, infatti, esprime un alto tasso di erotismo: il fatto che essa, a distanza di ventisei anni, non sia stata ancora del tutto chiarita, perché vi ruotano intorno teorie del complotto che addirittura sostengono che Moana non sia mai morta, ma sia semplicemente fuggita dall’altra parte del mondo per iniziare una nuova vita, ha un carattere erotico, perché è avvolta nell’ombra, perché non è nitida.

Leggi anche:
«Emmanuelle»: tra sguardo maschile ed eros sovversivo

Questo, come direbbe Roland Barthes, è uno sguardo pornografico, perché ci si concentra su dei dettagli che emergono un po’ meglio nella confusione generale, cercando di coglierne, fallacemente, uno sguardo di insieme.

È un poco come spiare dal buco della serratura e l’unica cosa che si riesce a vedere con una certa nitidezza è che Moana Pozzi non c’è più, è scomparsa dalle scene dei suoi film porno e dei talk show dove veniva invitata, ma non per questo è scomparsa dalle nostre vite, in quanto rimane ancora oggi un modello di eros nella pornografia.

moana pozzi

Certo, perché Moana non era semplicemente una pornodiva, ma era una diva dell’eros.

Moana Pozzi tra porno ed eros

Porno è ciò che punta lo sguardo solo sui genitali, tristi dettagli di una metonimia sessuale, ovvero di una riduzione di un’esperienza (quella sessuale) al mero atto; eros è tutto ciò che va oltre, è l’insieme dei corpi che si susseguono, è armonia, è tempo, è racconto, è sguardi, è attesa.

Moana era Eros.

Probabilmente l’educazione e la formazione di taglio cattolico che le furono impartite durante l’infanzia, contribuirono ad esaltarne il carattere erotico, perché Moana era veramente, come avrebbe detto Carmelo Bene, o-scena, ovvero “fuori dalla scena”.

Moana Pozzi intervista da Pippo Baudo in “Tutti a casa” (1994)

Si sottraeva al controllo delle stesse telecamere e delle esigenze elementari del porno, per diventare totalmente o-scena, ovvero per espandere il proprio io nella relazione con i suoi partner sulla scena. Moana aveva subito un’infanzia repressiva, ma su uno spirito creativo la repressione genera uno stato di slittamento del senso stesso della personalità e la necessità di crearsi uno spazio o degli spazi di azione alternativi.

Leggi anche:
Władysław Pawelec: l’eros per riconoscersi

Ed era esattamente ciò che faceva Moana Pozzi durante i suoi film a luci rosse: si riscriveva a margine delle pellicole che, senza di lei, sarebbero state delle banalissime pellicole pornografiche e che invece, grazie a lei, diventarono delle opere d’arte erotiche.

In questi film, la figura stessa di Moana catalizza su di sé l’attenzione dello spettatore ed espande il senso in figura femminile meravigliosa, fatta di corpo, di anima, di relazione e tensione verso l’altro.

Cosa ci ha lasciato Moana Pozzi

Moana, che sia morta o no, ci lascia un pezzo della cultura porno italiana e internazionale che rappresenta un unicum nel suo genere, in quanto nessuno come Moana ha saputo interpretare la necessaria connessione che c’è tra eros e porno nella vita degli esseri umani, quella totalizzante forma in cui il desiderio combacia con la sua espressione, la carne con l’anima, il sesso con l’amore, non solo per un altro essere umano, ma per la vita nella sua totalità.

 


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra Newsletter

La cultura è reale solo quando è condivisa, potremmo dire parafrasando Lev Tolstoj. La cultura vive solo nello scambio, nella condivisione; altrimenti rimane lettera morta. Ed è proprio per questo motivo che nasce il FR Club: condividere cultura, far parte di un gruppo che si riconosce nei valori della cultura. Scopri di più.

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle. 

Antonella D'Eri Viesti
Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.