Władysław Pawelec: l’eros per riconoscersi

Władysław Pawelec, conosciuto al mondo come il pioniere indiscusso della fotografia erotica polacca, è prima di tutto un ricercatore insaziabile della sessualità, intesa sia come istinto che come insieme di caratteri. Spesso il suo lavoro non è stato preso sul serio.

Władysław Pawelec
©Wladyslaw Pawelec

Nasce, vive e lavora a Varsavia. Dal 1923 al 2004. Studia all’Accademia medica di Lublino e si laurea in tre anni di studi, ma l’istruzione viene interrotta dalla seconda guerra mondiale. Tra il ’47 e il ’52 lavora nell’industria farmaceutica. È assistente senior in un laboratorio di ricerca e sviluppo. Ma fin da ragazzo viene accarezzato dalle signore sulla testa. Racconta: «Ero il preferito con le signore. Ho un tratto caratteristico che le donne riconoscono, capiscono e questo facilita i contatti».

Władysław Pawelec
Wladyslaw Pawelec. Autoritratto

Nel 1952 ha ricevuto il 2° grado State Award nel dipartimento di progresso tecnico per il lancio della produzione dell’agente anti-reumatico A.C.T.H. In quest’anno è stato trasferito all’Istituto di droga di Varsavia. Negli anni 1954-1964 all’Istituto siero e vaccino a Varsavia familiarizza con i metodi della fotografia scientifica in una vasta gamma, comprese le fotografie usando un microscopio elettronico. Nel 1966, Wladyslaw Pawelec diventata membro dell’Unione dei polacchi Art Fotografi, cooperazione anche stabilito con la rivista di viaggi editoriale Swiatowid, che ha pubblicato centinaia di foto di Okładkowych e numerose storie illustrate in Polonia e all’estero. Finalmente la fotografia è tutta la sua vita, e le donne diventano il centro della sua fotografia in poco tempo.

Władysław Pawelec
©Wladyslaw PawelecWladyslaw Pawelec

«Con le donne c’è stato in realtà un fattore che mi ha dato il vantaggio nel corso del mio lavoro, a coltivare questo genere di fotografia. La donna è la natura dell’essere fragili, non può muoversi come un elefante in una cristalleria» .

Wladyslaw Pawelec

Famose le sue mostre degli anni settanta, tra cui la prima di loro, una forte esibizione dal titolo Monika (1974).

Władysław Pawelec
©Wladyslaw Pawelec

Nel 1976, l’artista subisce un grave incidente automobilistico che gli causa una pausa annuale nel lavoro. Torna rapidamente all’attività fotografica e si rende indipendente fondando il proprio studio, a Varsavia.

Leggi anche:
Che cos’è il desiderio? 30 fotografi provano a spiegarlo

Nel 1983 pubblica il calendario erotico con una tiratura di 200.000 copie. La sua fotografia inizia a produrre un’eco in Polonia: produce cambiamenti significativi nell’approccio alla fotografia di nudo, e poi diventa oggetto di attenzione dei media di tutto il mondo. Tutto questo lo porta alla pubblicazione dell’album Amici di Zofia nel 1985 dalla casa editrice americana Melrose Square Publishing.

Władysław Pawelec

Nel 1999 è stato pubblicato il libro su Pawelec che è una vera e propria guida nel mondo della fotografia erotica. Ha partecipato a numerose mostre, tra le altre World Press Photo a L’Aia (1966) o la APA International Exhibition of Photography a Tokyo (1978).

Se all’inizio le immagini Wladyslaw Pawelec hanno suscitato scandalo, nel tempo viene apprezzata la loro estetica e artistica. Un’altra difficoltà che il fotografo di Varsavia ha dovuto affrontare è stata la mancanza di agenzie di modelle professionali. Pawelec è così entrato in contatto con modelle che, come dilettanti, non avevano esperienze di lavoro con un fotografo. Si crea così un rapporto intimo con le sue modelle, che coltiva negli anni.

Il lavoro di Pawelec prima crea domande, poi risponde nel tempo a un’estetica della sessualità e l’eros, nei suoi riflessi indiretti e complessi che ha sulla psiche, diventa una forma d’arte in cui il nostro tempo si riconosce.


Related Post

Condividi:

Fausta Riva

Fausta Riva nasce in Brianza, il 7 novembre 1990. Il suo intento, quello di accostare la visione fotografica a quella geografica, cercando un modo per spiegare il mondo, per capirlo. Fausta Riva nasce sognatrice, esploratrice dell’ordinario. Ama le poesie, ama perdersi e lasciarsi ispirare.