Un duello all’ultimo onore

Ne Gli onorevoli duellanti, ovvero Il mistero della vedova Siemens (edito da La nave di Teseo, acquista), Giorgio Dell’Arti riporta alla luce una vicenda, tanto drammatica quanto buffa, della politica italiana del Novecento.

Nell’introduzione, l’autore spiega che in realtà il libro è nato da un errore. Stava lavorando a un’idea relativa al 1901 e, di conseguenza, analizzava vecchi articoli (questa ricerca nel passato la definisce «una boccata d’ossigeno per chi deve sorbirsi, per mestiere, gli scipiti giornali di adesso») del Corriere della Sera. In realtà si imbatte nel 1910 e nel titolo in prima pagina Il duello tra il generale Fecia di Cossato e l’on. Chiesa.

La trama de «Gli onorevoli duellanti» di Giorgio Dell’Arti

Con Gli onorevoli duellanti, Giorgio Dell’Arti catapulta il lettore in un’epoca in cui i parlamentari cercavano di proteggere e mantenere puro l’onore attraverso le spade o le pistole. Nello sfondo dell’Italia liberal-giolittiana, Montecitorio e Palazzo Madama erano il territorio di ex garibaldini, conservatori, militari e misteriose nobildonne. 

Leggi anche
«Milano: la Belle Époque italiana al Gammazoni»

Una, in particolare, emerge tra le altre: è la vedova Siemens. Eleonora, poco più che trentenne, erede della dinastia industriale germanica, è una fascinosa animatrice di salotti, intrattiene rapporti di amicizia con diversi importanti membri dell’esercito italiano, tra cui il generale e senatore Luigi Fecia di Cossato. Viene sospettata di essere una spia

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci iscrivendoti al FR Club o con una donazione.

Il deputato repubblicano, l’onorevole Eugenio Chiesa, nell’aula di Montecitorio si fa portavoce di questi sospetti di spionaggio e tradimento. Nel fiume di parole, insulta diversi membri del governo e si ritrova a dover fronteggiare ben cinque richieste di duello

Dall’alto del cancello si scorgono benissimo i duellanti fino alla cintola: sono scamiciati con la manica destra tagliata alla spalla che scopre loro il braccio impugnante l’arma.

Duellanti

L’autore decide di utilizzare un linguaggio brillante, il più possibile vicino allo stile narrativo di quell’epoca, pur restando comprensibile a noi, poveri lettori del 2021 che ignoravamo questa storia. La narrazione termina con la descrizione del duello e un excursus sul fatto che, in quegli anni, molti paesi europei cercavano di vietarlo. 

Consigliato a…

Giorgio Dell’Arti si rivela un autorevole cronista, un po’ humor, di una storia vera, che vale la pena di sentir raccontare. Un pezzo di vita poco prima della Grande Guerra, di intrighi e di duelli all’ultimo onore.

Gli onorevoli duellanti, ovvero Il mistero della vedova Siemens è consigliato a chi ha voglia di una lettera dal passato, per scoprire che dedicarsi alla lettura di vecchie pagine di giornali può essere il miglior regalo da farsi e la sorpresa di cui non sapevamo di avere bisogno.

 


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook, Instagram e Spotify, e iscriviti alla nostra Newsletter

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti Rivista è edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle. Non abbiamo pubblicità. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi iscriverti al FR Club o sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle.

Serena Votano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.