Piccole donne

«Piccole donne» insegna il femminismo 150 anni dopo

Pochi classici della letteratura hanno avuto un impatto così potente come Piccole donne, la saga di Louisa May Alcott che racconta le vicende delle sorelle March e della loro famiglia.

Eppure, in alcuni articoli sul web, Piccole donne è stato accusato di anti-femminismo per il semplice fatto che alla fine tutte le sorelle si sposano (o muoiono, nel caso di Beth), abbandonando i loro sogni. Nel migliore dei casi, Piccole donne è considerato troppo antiquato per via del largo uso di moralità e religione, omesse per questo da alcuni recenti adattamenti (tra cui la miniserie BBC del 2017).

Piccole donne
The annotated Little Women è l’edizione più curata della saga di Louisa M. Alcott attualmente in commercio. Fonte: sumbolon.blogspot.com

In occasione dei 150 anni dalla prima pubblicazione del romanzo (30 settembre 1868), è necessario fare chiarezza sul suo reale messaggio, che -a conti fatti- è anche la sua essenza.

Femminismo da «Piccole donne»

Per considerare opportunamente il femminismo della Alcott, bisogna tenere conto di due aspetti.

1. Una famiglia moderna

I genitori di Louisa fornirono alle loro quattro figlie un’educazione di livello, come se fossero stati maschi. Il padre, il filosofo Amos Alcott, si occupò personalmente della loro educazione, facendo entrare in contatto Louisa con alcuni suoi illustri amici.

Oltre a Nathaniel Hawthorne (autore de La lettera scarlatta), Louisa conobbe importanti esempi d’indipendenza femminile: la scrittrice e giornalista Margaret Fuller e la poetessa Julia Ward Howe, entrambe sensibili alla questione femminile e ai diritti delle donne.

Fuller Ward Howe Piccole donne
A sinistra, Margert Fuller (1810-1850). A destra, Julia Ward Howe (1819-1910)

Altra donna nella vita di Louisa, fu sua madre Abigail, impegnata a sua volta nel movimento suffragista.

Gli ideali dei genitori furono abbracciati dalla Alcott adulta, che diventerà una suffregetta come la madre.

Abby May Alcott Piccole donne
Abigail “Abby” May, madre di Louisa, fu anche impegnata nella lotta in favore dell’abolizionismo. Fonte: http://www.louisamayalcott.org

In breve: Louisa non avrebbe mai scritto un romanzo (peraltro di così grande impatto) contro i suoi stessi principi.

2. Letteratura VS realtà

Ogni autore scrive per un pubblico (prima ancora che per se stesso) e Louisa lo sapeva meglio di altri, dato che per gran parte della sua vita la scrittura ha rappresentato anzitutto una fonte di guadagno. Esiste un abisso tra realtà e finzione letteraria, di cui bisogna tener conto.

Jo March si sposa e calma gradualmente il suo carattere ribelle, ma Louisa (la vera Jo in carne ed ossa, perchè -è utile ricordarlo- Piccole donne è un romanzo semibiografico) non farà nessuna delle due cose. Jo rappresenta l’evoluzione che in Louisa non è mai avvenuta.

Louisa May Alcott Piccole donne
Molto del carattere di Louisa May Alcott [in foto] si può cogliere dalle descrizioni di Jo March; la stessa Louisa raccontava storie alle sorelle, dedicandosi alla scrittura intorno alle 14 ore al giorno. Fonte: artspecialday.com

C’è poi da considerare un principio che vale per qualsiasi libro: non si può leggere un romanzo con una mentalità che non gli appartiene (per via di inevitabili distanze temporali). Louisa ha insegnato alle sue lettrici (ma anche ai lettori) il coraggio di essere se stesse, pur rimanendo in un contesto socio-culturale agli albori -o quasi- del femminismo.
E questa è la vera potenza del suo libro.

Sogni che diventano realtà

Le sorelle March maturano insieme ai loro sogni e alla fine, sebbene i loro desideri siano cambiati rispetto all’infanzia, tutte possono considerarsi realizzate.

Jo, dopo essersi cimentata nella scrittura, apre una scuola. Amy, che desidera gli agi di una vita benestante, li ottiene insieme con la mano del vicino di casa Laurie (per molti lettori questo è il vero punto dolente, ma si rimane comunque nell’ambito del gusto personale).

Meg diventa madre e moglie, certo, ma sceglie di esserlo in totale libertà perchè sa che quello è il suo posto. E il femminismo insegna a difendere la libertà, non l’oggetto della scelta di una donna.

Piccole donne 1994
Scena del matrimonio tra Meg e John Brooke nella versione cinematografica del 1994. Fonte: pinterest.com

Il ruolo del personaggio di Beth, invece, non rappresenta la realizzazione personale. Beth sente di dover morire prematuramente e non progetta alcun tipo di futuro per lei. Il suo ruolo è nel presente: rappresentare un punto di riferimento per le sorelle e l’importanza della religione per il lettore.

Piccole pellegrine

Secondo la Alcott, infatti, la letteratura per bambini deve essere innanzitutto fonte di insegnamento, che l’autrice sceglie di veicolare attraverso la moralità e la religione.

Non a caso, il primo romanzo inizia con il Viaggio del Pellegrino; un percorso di miglioramento che le sorelle March si impegnano a percorrere alla luce della morale religiosa.

Leggi anche:
Paolina Leopardi, dimenticare una grande donna

Una religione, quella della Alcott, che può però adattarsi perfettamente ad ogni sorta di credo. Lo dimostrano le lezioni (di portata universale) che le sorelle March imparano a loro spese: il dono della condivisione, il pericolo della vanità e dell’eccessiva impulsività.

Per questo la scelta della miniserie BBC di eliminare la moralità e la religione dagli adattamenti cinematografici in nome di una “ventata di modernità” è profondamente irrispettosa dell’ideologia educativa, senza la quale il romanzo non esisterebbe.

Piccole donne BBC
Nonostante l’infedeltà al romanzo la miniserie BBC, è stata accolta positivamente dalla critica. Fonte: telefilm-central.org

Senza moralità e religione, Piccole donne sarebbe un susseguirsi di fatti (indubbiamente piacevoli), ma privi di significato e di un unico filo conduttore. Solo per fare un esempio, il personaggio di Beth diventerebbe inutile, se non considerato alla luce della religione e della speranza del Paradiso.

Non si può sconvolgere un classico della letteratura per renderlo più attuale, quando è attuale così com’è. Se non lo fosse, cosa lo renderebbe ancora classico 150 anni dopo?

Related Post

Condividi:

Sofia Fabrizi

Studentessa di Lettere Moderne presso l'Università di Siena di età sconosciuta ai più (non è gentile chiedere ad una signora), fedele amante di Giacomo Leopardi e John Keats. Da uno pseudonimo nato tra i banchi di liceo, Hermione, ha creato un blog a tema biografico, dove racconta le vite di grandi del passato: Gli appunti di Hermione, approdato su Facebook, Instagram e Anobii.