«Segreti di sabbia»: il coraggio di raccontare il revenge porn

Segreti di sabbia di Erika Rigamonti, edito da CartaCanta (acquista), è un romanzo coraggioso. Tratta infatti tematiche non scontate, di cui c’è ancora tanto bisogno nel panorama letterario contemporaneo: l’accettazione dell’omosessualità, lo stalking, la violenza domestica, e soprattutto il revenge porn.

La storia

La protagonista del romanzo è Sofia Casotti, una professoressa quarantenne che si è da poco trasferita per motivi di lavoro in un paesino in provincia di Ancona. Incontra per caso Letizia, poco più che ventenne e dal carattere diametralmente opposto al suo: se Sofia è calma e riflessiva, Letizia è irruente e spesso sboccata.

Letizia ha appena lasciato il fidanzato, Emanuele, perché decisa a vivere alla luce del sole la propria omosessualità. Sofia si scopre pian piano attratta da Letizia, intreccia con lei una travolgente storia d’amore, ma non ha il coraggio di fare coming out all’alba dei quarant’anni.

Il segreto delle protagoniste, però, è destinato a essere scoperto quando Emanuele, incapace di accettare la fine della sua relazione, carica su un sito porno un filmino, realizzato di nascosto, in cui si distinguono chiaramente Sofia e Letizia colte nella loro intimità.

«Segreti di sabbia»: raccontare il revenge porn

È molto apprezzabile la scelta dell’autrice di trattare in un romanzo come Segreti di sabbia la difficile tematica del revenge porn, ovvero la diffusione di immagini o video hot senza il consenso della persona raffigurata. Spesso si tratta di materiale semplicemente inviato al partner all’interno delle dinamiche di coppia, che questi però dà in pasto al web, come forma di vendetta, dopo la fine della relazione: da qui il nome revenge porn.

Leggi anche:
Revenge porn e sexting: quando i dati parlano da soli

È importante che se ne parli, in particolare perché è un fenomeno che, pur esistendo da molto tempo, è punito in Italia solo dall’anno scorso: è quindi presumibile che sia ancora troppo poco conosciuto. Il revenge porn, come vediamo nel romanzo di Erika Rigamonti, è una ferita difficile da rimarginare per la reputazione, e in generale per la vita, di chi ne è vittima.

È quindi un ottimo segno che anche la letteratura abbia iniziato a trattare questa tematica. Ritrovare la propria esperienza in un romanzo è il primo passo per capire che non si è soli e per superare la vergogna che troppo spesso impedisce alle vittime di revenge porn di chiedere aiuto.

 


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra Newsletter

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti Rivista è edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle. 

* * *

La cultura è reale solo quando è condivisa, potremmo dire parafrasando Lev Tolstoj. La cultura vive solo nello scambio, nella condivisione; altrimenti rimane lettera morta. Ed è proprio per questo motivo che nasce il FR Club: condividere cultura, far parte di un gruppo che si riconosce nei valori della cultura. Iscriviti!

Condividi: