muro mattoni

Un mondo ad alta definizione

La realtà è complessa, la nostra natura è complessa come complesso è il nostro rapporto con gli altri e con le altre specie.

Questa complessità possiamo sforzarci di comprenderla o meno. Coglierla, accoglierla oppure negarla.

Dobbiamo sapere, però, che se la rifiutiamo, quello che ci si presenta davanti agli occhi non è il mondo come realmente è, ma un mondo ridotto.

Una realtà sfocata fatta di rapporti a bassa definizione, con donne e gli uomini ad una sola dimensione.

In questo mondo diminuito spiccano i muri che tiriamo su intorno a noi, tra di noi e al nostro stesso interno.

Al contrario, se cogliamo la realtà nella sua complessità, in rapporto agli altri e a noi stessi, quello in cui abitiamo diventa un mondo ad alta definizione che tira giù i muri e che cresce.

Ne abbiamo parlato insieme a Giovanni Betta, Elisabetta De Vino, Luigi Maccaro, Lucio Maciocia, Stefano Vella, Luca Di Sciullo, Maurizio Esposito, Tareke Brhame, Simmaco Perillo, Mariella Nocenzi, Valerio Nicolosi, nel convegno Diversi, diseguali e dispersi. La sfida della società cosmopolita organizzato da Alessandra Sannella assieme all’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale.

Michele Gerace

Scuola "cento giovani", avvocato, presidente dell'Osservatorio sulle Strategie Europee per la Crescita e l'Occupazione, fondatore tra i fondatori di Fonderie Digitali, ideatore di "Costituzionalmente: il coraggio di pensare con la propria testa", assiduo frequentatore del Bar Europa e dell'omonima rubrica al Rock Night Show su Radio Godot, in ufficio alle prese con il diritto e le politiche dell'Unione europea.
Michele Gerace
Condividi: