#weighyourwords contro la violenza psicologica alla comunità LGBTQIA+

L’interiorità si disegna in modo più e meno evidente tra i lineamenti del viso. Alcuni dolori toccano nel profondo e forse fanno fatica a risalire. Con la giusta attenzione però si colgono anche le incrinazioni apparentemente impercettibili.

Sono le parole a frantumare tanto un dentro che fatica a gridare fuori il suo dolore. Spesso questo sta, pietrificato, a irrigidire i tratti. È un respiro che si blocca di fronte al precipizio: troppo concentrato a tenere insieme il tutto, per evitare di sbriciolarsi.

Ferite dure, eppure esplosive, che hanno tentato di catturare Alice Ciccola e Mary Di Perna con la collaborazione dello studio Gabos photography. #weighyourwords è il titolo del progetto fotografico e la sua missione è quella di accentrare l’attenzione sulle quotidiane, sottili e profonde, violenze psicologiche che una domanda superficiale, e non conscia del dramma che evoca, può infliggere ai membri discriminati della comunità LGBTQIA+.

Vanno pesate le parole rivolte a chi ogni giorno combatte una battaglia per l’affermazione della propria identità.

#weighyourwords
#weighyourwords
#weighyourwords
#weighyourwords
#weighyourwords
#weighyourwords
#weighyourwords
#weighyourwords
#weighyourwords
#weighyourwords

Leggi anche: 
The Village: una poesia audiovisiva contro l’omotransfobia

Condividi:

Nata a Brescia nel 1993. Laureata in lettere moderne indirizzo arti all'Università di Bergamo, dopo un anno trascorso in Erasmus a Parigi. Appassionata di fotografia, cinema, teatro e arte contemporanea.