Alla scoperta di Arcumeggia, borgo dipinto della Valcuvia

La Valcuvia, in provincia di Varese, nasconde un tesoro sconosciuto ai più: il borgo di Arcumeggia, frazione del comune di Casalzuigno. Qual è il segreto di questo borgo minuscolo, di circa 60 anime? Con i suoi affreschi, è un piccolo museo a cielo aperto. Al momento non si può visitare, causa zona rossa, ma noi proviamo a portarvici ugualmente con le parole.

Leggi anche:
Villa Della Porta-Bozzolo | Estate italiana

Una tradizione antica

Come si può immaginare, la piaga che affligge da decenni Arcumeggia – così come tanti altri paesini italiani – è quella dello spopolamento, a favore di centri più grandi. Per provare ad arginarla, nel 1956 la giunta ebbe un’idea semplice ma geniale: proporre ad artisti italiani di affrescare i muri delle case del borgo, per trasformarlo in una meta turistica.

arcumeggia
Uno dei numerosi affreschi di Arcumeggia. Da: fondoambiente.it

La scelta riprese una tradizione artistica già molto viva in Valcuvia, di cui parlò anche lo scrittore Piero Chiara:

Le strade della Valcuvia conoscevano da qualche secolo la libera e fantasiosa attività degli affrescatori popolari. La passione dell’affresco poteva trapassare in una manifestazione artistica vera e propria, tale da trasformare un intero paese in una mostra capace di documentare una tecnica mai abbandonata della pittura italiana e sempre rifiorente anche fuori dalle esigenze del culto. Arcumeggia è quindi non solo un ritorno e una ripresa della tradizione artistica lombarda, ma anche la celebrazione del popolo delle Prealpi, per secoli operoso in ogni parte d’Europa.

Arcumeggia: tra affreschi e case di corte

Oltre 160 sono gli affreschi che si possono ammirare per le silenziose strade di Arcumeggia, tutti opere di artisti italiani del secondo Novecento, come Giuseppe Montanari, Remo Brindisi, Giuseppe Migneco, Aligi Sassu. Gli stili dei diversi artisti si fondono in una composizione fortemente armoniosa. Alcune opere, inoltre, si trovano nei cortili delle cosiddette “case di corte”, caratteristiche dell’architettura lombarda.

Arcumeggia, nominata “luogo del cuore” del FAI, ospita anche la Casa del Pittore, progettata dall’architetto Bruno Ravasi: qui sono custoditi bozzetti e opere dei numerosi artisti che sono passati da questo paese.

arcumeggia
La Casa del Pittore. Da: fondoambiente.it

Meta perfetta per l’autunno

Perché scegliere Arcumeggia per una gita autunnale (quando si potrà ricominciare)? Di sicuro per contribuire a rendere vivo questo piccolo borgo, ma non solo. Il paese della Valcuvia potrebbe anche rappresentare il connubio perfetto fra arte e natura. Da queste parti, in autunno capita che il cielo si tinga di un azzurro deciso, che regala uno splendido gioco di colori insieme alle foglie degli alberi e al riflesso del sole sulle montagne. Se aggiungiamo anche la bellezza dei dipinti, è facile capire perché Arcumeggia è una vera festa per gli occhi.

 


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra Newsletter

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti Rivista è edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle. 

* * *

La cultura è reale solo quando è condivisa, potremmo dire parafrasando Lev Tolstoj. La cultura vive solo nello scambio, nella condivisione; altrimenti rimane lettera morta. Ed è proprio per questo motivo che nasce il FR Club: condividere cultura, far parte di un gruppo che si riconosce nei valori della cultura. Iscriviti!

Condividi: