Bologna, confortevole bohéme giocata tra casa e osterie

Nel 1960 Francesco Guccini si trasferisce al civico 43 di via Paolo Fabbri, nel quartiere Cirenaica a Bologna. Immersa nel verde, oltre porta San Donato, fuori dalla zona universitaria e dai viali costeggiati dalle torreggianti porte del XIII secolo, è tutt’ora simbolo della resistenza antifascista. Anche grazie a Guccini.

In quel quartiere di frugalità e toni rivoluzionari, una porta e un’insegna hanno fatto la storia del cantautorato italiano. Erano anni di rivoluzioni, di movimenti studenteschi, e Bologna era musicalmente attraversata da varie correnti, artistiche e politiche. Guccini, Dalla e gli Skiantos avevano qualcosa in comune: la capacità di utilizzare la musica per trasmettere un messaggio che scindeva il tempo e che risulta oggi più che attuale.

La Trattoria da Vito a Bologna

L’antica Trattoria da Vito era polo culturale, centro nevralgico di una musica che era poesia e politica al contempo. Ed era anche effimero divertimento, cantare e suonare per il gusto di aleggiare nella musica.

C’è stato un tempo in cui era possibile raccogliere attorno ad un tavolo Francesco Guccini, Lucio Dalla, persino De André, accendere una vitalità culturale, discorrere e suonare

«in una Bohéme confortevole giocata fra casa e osterie quando a ogni bicchiere rimbalzano le filosofie. Quanto eravamo poetici, ma senza pudore e paura, e i vecchi imberiaghi sembravano la letteratura. Quanto eravamo tutti artistici, ma senza pudore o vergogna, cullati fra i portici cosce di mamma Bologna».

Francesco Guccini, Bologna

Casa Dalla in Via D’Azeglio

Via d’Azeglio è la maestosa via che da Piazza Maggiore arriva fino a Porta San Mamolo. Oggi Bologna è cambiata, ma rimane figlia dei padri che l’hanno calpestata e sono riusciti a costruirle un nido da cui spiccare dolcemente il volo. Bologna è ancora centro nevralgico culturale. Ma dislocato, come diceva Guccini. Senza organizzazione.

Leggi anche:
Il sesso nella musica indie: cinque tracce disperate erotiche

In Via D’Azeglio ha vissuto a lungo Lucio Dalla. Oggi, una Casa-Museo permette al pubblico di assaggiare con i propri occhi il luogo in cui suonava, scriveva, componeva. Dalla è sempre stato uomo notturno, dal gusto impeccabile, nonché dall’estro contagioso. Profondamente amato dai suoi concittadini, viveva la sua vita a Bologna più come uomo della porta accanto, che da artista impareggiabile.

La Bologna degli Skiantos

Mentre Dalla e Guccini scrivevano, bevevano, e si godevano una goliardica ambientazione da Osteria tipica bolognese, una cultura underground nasceva in quella Emilia Paranoica osannata dai CCCP. Gli Skiantos sono un gruppo rock formatosi a Bologna a metà anni ’70. Diventati popolarmente celebri per quel Mi piacciono le sbarbine, trama di un movimento musicale prettamente bolognese. Le sbarbine, le ragazzine.

Ma prima sono stati legati al Movimento del ’77, movimento politico extra-parlamentare nato nel 1977 appunto, sviluppo consequenziale del ’68, molto sentito nella Bologna rivoluzionaria. Era l’anno in cui Francesco Lorusso veniva ucciso da un colpo d’arma da fuoco durante una manifestazione studentesca. In via Mascarella, incrocio via Irnerio. Oggi i colpi sul muro – altezza uomo – sono imprigionati in una teca di vetro come testimonianza, nonché monumento, al Movimento Studentesco Bolognese. Fervente e tutt’ora in auge.

Paesaggi musicali

La Cirenaica, via D’Azeglio e via Mascarella hanno una cosa in comune: sono stati – e continuano ad essere – emblemi di tre correnti musicali estremamente diverse tra loro. Guccini poetava, Dalla sussurrava, gli Skiantos gridavano. Ma d’altronde sono simbolo vivente degli anni frastagliati in cui sono nati e poi cresciuti, musicalmente ed umanamente.

Senza i toni ribelli, estrosi, controtendenza della Bologna di allora, è difficile dire quale sarebbe stato il loro percorso artistico. Per contro, difficile definire le linee artistiche e musicali della Bologna di oggi se queste tre zone dislocate non avessero dato gli albori ad artisti tanto complessi quanto facilmente definibili in un quadro storico più grande.


In copertina: Illustrazione di Lucia Amaddeo
© Riproduzione riservata

«Viaggio in Italia» è la rubrica mensile di Frammenti Rivista, accompagnata dalle illustrazioni di Lucia Amaddeo, che racconta il Bel Paese attraverso le lenti della cultura. Per non dimenticarci mai di quanto è bella, e forte, l’Italia.

 


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra Newsletter

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti Rivista è edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle. 

* * *

La cultura è reale solo quando è condivisa, potremmo dire parafrasando Lev Tolstoj. La cultura vive solo nello scambio, nella condivisione; altrimenti rimane lettera morta. Ed è proprio per questo motivo che nasce il FR Club: condividere cultura, far parte di un gruppo che si riconosce nei valori della cultura. Iscriviti!

Condividi: