renato guttuso

Guttuso e Marta Marzotto: passione bollente tra dipinti e incontri segreti

Come Caravaggio s’innamorò delle sue modelle e Amedeo Modigliani sposò Jeanne Hébuterne, così Renato Guttuso divenne folle d’amore per Marta Marzotto, quando nel 1960 la conobbe da Rolly Marchi, curatrice delle sue mostre. Il comunista e la contessa, il pittore amico di Togliatti e la figlia del ferroviere sposata al rampollo della dinastia tessile veneta.

renato guttuso

Helmut Newton, Countess Marta Marzotto in her garden with her Portrait by Renato Guttuso, Christie’s, Paris

Renato guttuso

Marta Marzotto e Renato Guttuso

Nella casa di Piazza di Spagna a Roma, prestata dal gallerista Romeo Toninelli, iniziarono i pomeriggi d’amore, nell’afoso rovente di una Capitale assolata, col vulcanico sgorgare di una passione unica e tenera, vissuta tra mille sensi di colpa per i tradimenti e la contemporanea consapevolezza dell’impossibilità di vivere l’uno senza l’altro. Il legame tra Renato e Marta rappresentò a lungo l’archetipo della fusione tra l’intellettuale di sinistra e la rappresentante dell’alta borghesia, la tendenza di un radicalchicchismo nostrano all’epoca non ancora dominante. Al di là di qualsiasi percezione esteriore, l’amore di Guttuso per la Marzotto si nutrì dell’intensità di un pensiero fisso, impossibile da scacciare dalla mente anche se “immorale” agli occhi del mondo.

renato guttuso


renato guttuso

L’elegante bellezza bionda della contessa più desiderata dagli uomini divenne leggenda immortale quando l’artista decise di fissarla su tela, in disegni, tempere e oli, o ancora in opere da museo, come quella in cui di spalle, dall’alto della sua fierezza, scaccia con un gesto dell’anca le chiacchiere vuote degli intellettuali da salotto. Guttuso fu per Marta il secondo amore, quello che in un’intervista a Cesare Lanza definì «di un erotismo al limite della pornografia».

renato guttuso


renato guttuso
È così che nei suoi quadri, quelli di un’arte «che il popolo doveva capire», la bella contessa è icona sensuale sospesa in uno spazio senza tempo, abbandonata su un lenzuolo stropicciato d’amore, ninfa in un bosco che ha accolto le bellezze di un adulterio “sano” perché fa battere il cuore.

renato guttuso

renato guttuso

Poi s’innamorò di Lucio Magri, freddo, distaccato, razionale, depresso. Niente più magma e bollori come con Guttuso, con cui del resto non finì mai. Gli incontri in Piazza di Spagna e altrove continuarono, proseguì l’amore rovente, finché nel 1987 il pittore sanguigno del comunismo morì, rendendo la figlia di un ferroviere musa eterna, da ammirare nei musei del mondo come una sposa immortale.

renato guttuso

renato guttuso

One Comment

  • […] Come Caravaggio s’innamorò delle sue modelle e Amedeo Modigliani sposò Jeanne Hébuterne, così Renato Guttuso divenne folle d’amore per Marta Marzotto, quando nel 1960 la conobbe da Rolly Marchi, curatrice delle sue mostre. Il comunista e la contessa, il pittore amico di Togliatti e la figlia del ferroviere sposata al rampollo della dinastia tessile veneta. Continua a leggere… […]

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.