I cent’anni del PCI | Il fatto della settimana

Questa settimana è caduto un anniversario importante: il 21 gennaio 1921, esattamente un secolo fa, nasceva a Livorno il Partito Comunista Italiano in quello che fu un vero e proprio coup de théâtre nella sinistra italiana.

Insomma, 100 anni fa Antonio Gramsci e i suoi seguaci uscivano platealmente dal teatro Goldoni di Livorno, dove si stava svolgendo il congresso del Partito Socialista, per fare la storia: anche in Italia arrivava, con il dovuto ritardo, il comunismo. 

Leggi anche:
Senza Emanuele Macaluso ci sentiamo tutti un po’ più soli

Dal 1921 in poi una storia difficile ma onorata: la Resistenza, le battaglie per i diritti, i grandi uomini politici, il più grande partito comunista d’Occidente, e infine il crollo del muro di Berlino, la Bolognina e la dissoluzione. Cosa rimane oggi?

Poco, forse nulla. Rimangono le idee e rimangono le persone. Come Emanuele Macaluso, storica colonna ed eredità del PCI, cui la vita non ha concesso di celebrare questo anniversario. Se ne è andato il 19 gennaio con amarezza, di fronte a una sinistra confusa e indecisa. Chi dopo di lui? Che cosa dopo il PCI?

* * *

Italia o mondo. Che sia cronaca, politica o società, ogni settimana la Redazione Attualità di Frammenti Rivista sceglie per voi lettori “Il fatto della settimana”, quella notizia che proprio non potete perdervi. E poi vi dà anche qualche consiglio di lettura, direttamente dai nostri archivi. 
Il tutto, in meno di 300 parole. 

 


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook, Instagram e Spotify, e iscriviti alla nostra Newsletter

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti Rivista è edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle. Non abbiamo pubblicità. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi iscriverti al FR Club o sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.