L’arte del movimento e il senso del vero in Giuseppe De Nittis | Bar Europa

Nelle tele di Giuseppe De Nittis la luce segna il passaggio come su una lastra a collodio umido. Si fa animazione. I ritratti sembra si metteranno in movimento da un momento all’altro. Prendono vita come nelle pioneristiche proiezioni di Filoteo Alberini e dei fratelli Lumière.

Al Salon, Edgar Degas vide due suoi acquarelli piccoli e bellissimi. Quando tornò a casa scrisse subito una lettera alla moglie: suo marito aveva dipinto due opere senza pari, era riuscito a catturare lo spirito della città.

Leggi anche:
Viaggio nella Parigi scomparsa di Giuseppe Canella

Partito da Barletta, cresciuto a Napoli, viaggiata l’Italia, tra le flâneurie di Parigi e le atmosfere melanconiche di Londra, come William Turner, forse anche prima dei suoi contemporanei Claude Monet, Vincent Van Gogh e Camille Pissarro, De Nittis aveva compreso uno dei temi più importanti della modernità: il divenire incessante e rivoluzionò il modo di coglierlo.

La National Gallery e la chiesa di Saint Martin a Londra, 1877
Olio su tela, cm 71 x 105,5
Parigi, Petit Palais, Musée des Beaux-Arts de la Ville de Paris

Ne abbiamo parlato nel Bar Europa al Rock Night Show su Radio Godot con Barbara Guidi, co-curatrice insieme a Maria Luisa Pacelli e
Hélène Pinet della mostra De Nittis e la rivoluzione dello sguardo in esposizione al Palazzo dei Diamanti di Ferrara.

Leggi anche:
L’ordito, la trama e l’intreccio della nostra esistenza | Bar Europa

Ancora oggi i dipinti di Giuseppe De Nittis sono definiti fotografie viventi. Ritraggono l’esistenza mentre scorre imprevista, mutevole e fugace. Restituiscono il senso del vero e ne fanno un brano di realtà assoluta.

Grazie a Fondazione Ferrara Arte per la gentile concessione delle foto delle opere in mostra per la pubblicazione.

Buon ascolto!

Michele Gerace
Latest posts by Michele Gerace (see all)