L’arte del movimento e il senso del vero in Giuseppe De Nittis | Bar Europa

Nelle tele di Giuseppe De Nittis la luce segna il passaggio come su una lastra a collodio umido. Si fa animazione. I ritratti sembra si metteranno in movimento da un momento all’altro. Prendono vita come nelle pioneristiche proiezioni di Filoteo Alberini e dei fratelli Lumière.

De Nittis e la rivoluzione dello sguardo

Dal 1 dicembre vieni a scoprire De Nittis e la rivoluzione dello sguardoNoto per le sue composizioni eleganti e alla moda che ne determinarono il successo a Parigi, Giuseppe De Nittis fu tra i principali interpreti di un nuovo modo di guardare la realtà e tradurla con immediatezza sulla tela attraverso inquadrature audaci, tagli improvvisi, prospettive sorprendenti affiancate a una sapiente resa della luce e delle atmosfere. La mostra rilegge la carriera dell'artista ponendo l’accento sull’originalità della sua ricerca, anche grazie al confronto della sua opera con una selezione di scatti di grandi fotografi dell'epoca, al fine di evidenziarne l"occhio fotografico" e l'attualità del lavoro.Dal 1 dicembre a Palazzo dei DiamantiScopri di più sulla mostra; link http://bit.ly/DeNittisFerrara

Pubblicato da Palazzo dei Diamanti su Giovedì 21 novembre 2019

Al Salon, Edgar Degas vide due suoi acquarelli piccoli e bellissimi. Quando tornò a casa scrisse subito una lettera alla moglie: suo marito aveva dipinto due opere senza pari, era riuscito a catturare lo spirito della città.

Leggi anche:
Viaggio nella Parigi scomparsa di Giuseppe Canella

Partito da Barletta, cresciuto a Napoli, viaggiata l’Italia, tra le flâneurie di Parigi e le atmosfere melanconiche di Londra, come William Turner, forse anche prima dei suoi contemporanei Claude Monet, Vincent Van Gogh e Camille Pissarro, De Nittis aveva compreso uno dei temi più importanti della modernità: il divenire incessante e rivoluzionò il modo di coglierlo.

La National Gallery e la chiesa di Saint Martin a Londra, 1877
Olio su tela, cm 71 x 105,5
Parigi, Petit Palais, Musée des Beaux-Arts de la Ville de Paris

Ne abbiamo parlato nel Bar Europa al Rock Night Show su Radio Godot con Barbara Guidi, co-curatrice insieme a Maria Luisa Pacelli e
Hélène Pinet della mostra De Nittis e la rivoluzione dello sguardo in esposizione al Palazzo dei Diamanti di Ferrara.

Leggi anche:
L’ordito, la trama e l’intreccio della nostra esistenza | Bar Europa

Ancora oggi i dipinti di Giuseppe De Nittis sono definiti fotografie viventi. Ritraggono l’esistenza mentre scorre imprevista, mutevole e fugace. Restituiscono il senso del vero e ne fanno un brano di realtà assoluta.

Grazie a Fondazione Ferrara Arte per la gentile concessione delle foto delle opere in mostra per la pubblicazione.

Buon ascolto!

Michele Gerace
Condividi: