fbpx
Placeholder Photo

Le rose di Eliogabalo: meraviglie e tragedie antiche nel dipinto di Sir Lawrence Alma-Tadema

5 minuti di lettura

Ciò che definisce l’intrinseca natura di un capolavoro non è la mera precisione tecnica, né la rilevanza storico–sociale dei temi trattati. Un capolavoro può essere definito tale quando l’emozione che esso suscita è eterna e atemporale al tempo stesso. Eterna poiché in ogni tempo e in ogni luogo esso scatenerà lo stesso estasiato stupore, atemporale poiché, in un perfetto attimo di contemplazione, il tempo cessa di esistere, come è svanito all’interno della tela. È dunque possibile affermare che il maestoso dipinto di Sir Lawrence Alma – Tadema, Le rose di Eliogabalo, è un assoluto capolavoro. Dipinto nel 1888, Le rose di Eliogabalo segna il coronamento della sfavillante carriera artistica del pittore olandese, il quale era talmente appassionato nella sua realizzazione, da aggiungervi gli ultimi dettagli durante la presentazione ufficiale alla Royal Academy di Londra. Affascinato e quasi ossessionato dalla storia antica, Sir Lawrence Alma – Tadema predilige soggetti di natura storica per la maggior parte dei suoi dipinti. Ma con Le rose di Eliogabalo egli dimostra non solo di saper realizzare un ritratto del passato, ma di saperne interpretare e raffigurare le suggestive atmosfere. Soggetto di quest’opera è l’imperatore romano, di origini siriane, Eliogabalo. Noto per la sua scelleratezza ed efferata crudeltà, il personaggio di Eliogabalo è presente non solo nelle cronache antiche, ma anche nel celebre romanzo À Rebours di Joris – Karl Huysmans, considerato come la Bibbia del movimento decadente

https://it.pinterest.com/
https://it.pinterest.com/

Da lettere antiche e moderne Sir Lawrence Alma – Tadema trae la sua ispirazione, scegliendo di raffigurare l’ambiguità che caratterizzò il regno dell’imperatore. Infatti, sebbene dissoluto e inesperto, Eliogabalo fu un grande esteta, cultore della bellezza in ogni sua forma. Per questo era solito organizzare fastose feste, al termine delle quali soleva offrire doni ai suoi invitati, spesso immergendoli in un vero e proprio bagno di petali di rosa. Il dipinto esalta notevolmente la presenza floreale degli odorosi petali, che apparentemente si proclamano come protagonisti della scena. Dagli effluvi afrodisiaci e inebrianti, i rosei petali avvolgono fanciulle e prestanti giovani con il capo cinto di corone floreali. Vesti dai tessuti preziosi e monili avvolgono i morbidi corpi, mentre un cenacolo di divertiti spettatori si gode l’allegria del gioco. Sullo sfondo, anche l’imperatore osserva compiaciuto il diletto di cui godono i suoi ospiti, senza curarsi dei tumulti religiosi da lui scatenati nell’Impero e che scatenano violenza e dolore proprio al di fuori della sua reggia. Eliogabalo fu infatti un gran sacerdote del dio Sole e avviò una politica religiosa atta alla conversione, anche forzata, del suo popolo. Sir Lawrence Alma – Tadema riesce dunque, con grande maestria, a sviare l’attenzione dello spettatore focalizzando la sua attenzione sullo sfarzo e la meraviglia di un regno in realtà corrotto, colmo di intrighi e crimini. Le rose di Eliogabalo fa sorgere i petali da ampie tende mosse dal vento, il cui leggiadro cadere viene accompagnato dalle note dell’aulòs, l’antico flauto a due canne. Dal dipinto traspaiono suoni e profumi, l’eco di risate sommese immerse in un mare floreale, una fresca brezza soffia al di fuori della tela e investe l’estasiato osservatore che smarrisce la sua identità in quell’attimo di gioia contemplativa. L’effetto è reso ancora più efficace dalle enormi dimensioni della tavola (213,4 cm x 131,8 cm) e dalla brillantezza dei colori ad olio che ricreano l’effetto dei raggi solari rifulgenti sul gaudio generale. Parte della maestosa collezione privata Pérez Simon, Le rose di Eliogabalo è un’opera maestosa e di sconvolgente bellezza, un edenico ritratto del passato il cui fine è la meraviglia.

The_Roses_of_Heliogabalus

[jigoshop_category slug=”cartaceo” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

[jigoshop_category slug=”pdf” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

Anna Maria Giano

Mi chiamo Giano Anna Maria, nata a Milano il 4 marzo 1993. Laureata Lingue e Letterature Straniere presso l'Università degli Studi di Milano, mi sto specializzando in Letterature Comparate presso il Trinity College di Dublino.Fin da bambina ho sempre amato la musica, il colore, la forza profonda di ciò che è bello. Crescendo, ho voluto trasformare dei semplici sentimenti infantili in qualcosa di concreto, e ho cercato di far evolvere il semplice piacere in pura passione. Grazie ai libri, ho potuto conoscere mondi sempre nuovi e modi sempre più travolgenti di apprezzare l'arte in tutte le sue forme. E più conoscevo, più amavo questo mondo meraviglioso e potente. Finchè un giorno, la mia vita si trasformò grazie ad un incontro speciale, un incontro che ha reso l'arte il vero scopo della mia esistenza... quello con John Keats. Le sue parole hanno trasformato il mio modo di pensare e mi hanno aiutata a superare molti momenti difficili. Quindi, posso dire che l'arte in tutte le sue espressioni è la ragione per cui mi sveglio ogni mattina, è ciò che guida i miei passi e che motiva le mie scelte. E' il fine a cui ho scelto di dedicare tutti i miei sforzi, ed è il vero amore della mia vita.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.