Ne abbiamo parlato nel Bar Europa al Rock Night Show su Radio Godot con Juan Gustavo Corvalán, Vice Procuratore generale della Città di Buenos Aires, Cecilia Celeste Danesi, professoressa di Intelligenza artificiale e Diritto civile all'Università di Buenos Aires, e Enzo Maria Le Fevre Cervini, Coordinatore gruppo tematico OCSE su tecnologie emergenti nella Pubblica amministrazione.ntelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale presuppone l’essere umani | Bar Europa

Sarebbe paradossale se utilizzassimo l’intelligenza artificiale per aumentare le discriminazioni invece che per ridurle, o se, scambiando il mezzo con il fine, iniziassimo a pensare di umanizzarla mentre senza accorgercene, nel nostro modo di essere, perdiamo pezzi di umanità.

Intendere, pensare e giudicare sono facoltà che descrivono l’intelligenza e non appartengono alle macchine ma ci definiscono come esseri umani.

Intelligenza artificiale
Il libro Intelligenza artificiale e lavoro. Costruire un nuovo paradigma occupazionale scritto da Enzo Maria Le Fevre Cervini, Juan Gustavo Corvalán, Luis Jorge Cevasco, è stato pubblicato in Italia da Edizioni di Comunità, 2019

Ne abbiamo parlato nel Bar Europa al Rock Night Show su Radio Godot con Juan Gustavo Corvalán, Vice Procuratore generale della Città di Buenos Aires, Cecilia Celeste Danesi, professoressa di Intelligenza artificiale e Diritto civile all’Università di Buenos Aires, e Enzo Maria Le Fevre Cervini, Coordinatore gruppo tematico OCSE su tecnologie emergenti nella Pubblica amministrazione.

Tutti loro hanno lavorato in IALABLaboratorio de Innovación e Inteligencia Artificial de la Universidad de Buenos Aires alla realizzazione di Prometea, un sistema di intelligenza artificiale ad uso delle pubbliche amministrazioni che trasferisce ad algoritmi i compiti più ripetitivi e meccanici, e offre l’opportunità alle persone di dedicarsi maggiormente ad attività non ripetitive e complesse.

Sul piano ideale, pone l’essere umani e la macchina nella giusta relazione.

Buon ascolto!

Michele Gerace

Scuola "cento giovani", avvocato, presidente dell'Osservatorio sulle Strategie Europee per la Crescita e l'Occupazione, fondatore tra i fondatori di Fonderie Digitali, ideatore di "Costituzionalmente: il coraggio di pensare con la propria testa", assiduo frequentatore del Bar Europa e dell'omonima rubrica al Rock Night Show su Radio Godot, in ufficio alle prese con il diritto e le politiche dell'Unione europea.
Michele Gerace
Condividi: