fbpx

Marostica, la città degli scacchi

Alla scoperta dei borghi italiani: Marostica, fra castelli e tradizioni

4 minuti di lettura

Il sistema fortificato di Marostica si basa su due castelli, l’Inferiore e il Superiore, uniti da una cinta muraria che racchiude l’intero borgo. L’impianto attuale della cittadina fu delineato sotto la dominazione scaligera di Verona fra il 1311 e il 1387.

Il Castello Inferiore, oggi sede municipale, domina sulla piazza principale, Piazza Castello, ed ha una corte porticata con due affreschi sovrastata dall’imponente mastio mentre il Castello Superiore, in parte adibito a ristorante, è sulla cima di un colle con la sua ampia piazza d’armi e la cinta quadrilatera. Le mura che li collegano sono alte otto-dieci metri e spesse due e sono intervallate da tre porte d’accesso al borgo, Porta Breganzina, Porta Vicentina e Porta Bassanese.

Marostica
Castello Inferiore e Leone di San Marco. Fonte: Wikipedia
Castello Superiore. Fonte: Wikipedia

La chiesa di Sant’Antonio Abate, fondata nel 1383 come semplice cappella, fu ampliata nel XV secolo e annessa al convento dei Minori Osservanti. Ristrutturata in epoca barocca, il campanile è notevole per la sua poderosa base in arenaria e le bifore gotiche.

La chiesa del Carmine della prima metà del XVII secolo sorge su un alto sagrato a gradini al fondo di una scalinata e presenta all’interno due pregiati altari lignei.

Marostica
chiesa di Sant’Antonio Abate e chiesa del Carmine. Fonte: Wikipedia
Marostica
chiesa di Sant’Antonio Abate, interni. Fonte: Wikipedia

Leggi anche:
Lazise, il primo “libero” comune d’Italia

Fra i musei di Marostica segnaliamo il Museo dei cappelli di paglia a ricordare una antica tradizione tessile diffusa nella zona e il Museo dei Costumi della Partita a Scacchi.

Piazza Castello ospita anche il Palazzo del Doglione, dove erano ospitate le istituzioni cittadine e una colonna con l’immancabile leone di San Marco, a testimoniare la fedeltà a Venezia, il cui dominio durò su Marostica dal 1404 al 1797.

Dietro il Palazzo del Doglione si snoda corso Mazzini con i suoi portici e le facciate di pregio con stili che vanno dal gotico al liberty ma la passeggiata più bella da percorrere è quella che, attraverso il parco Salin, conduce al Castello Superiore, in mezzo ad alberi di ulivo e cipresso.

Marostica
Mura verso il Castello Superiore. Fonte: Wikipedia
Marostica
Veduta di Marostica dal Castello Superiore. Fonte: tripadvisor.it

Marostica è diventata ormai celebre in tutto il mondo grazie alla Partita degli Scacchi che si tiene nella piazza centrale su una enorme scacchiera disegnata sul pavimento ogni due anni il secondo weekend di settembre a partire dal 1923. I figuranti vestono costumi del Quattrocento a rievocare la vicenda di Rinaldo da Angarano e di Vieri da Vallonara che si giocarono in una sfida a scacchi l’amore di Lionora, la bellissima figlia del castellano.

Leggi anche:
Semiologia degli scacchi: qualche farneticazione

Marostica
Piazza Castello e Palazzo del Doglione. Fonte: viajar.elperiodico.com
Partita degli Scacchi
Partita degli Scacchi. Fonte: visitmarostica.eu

Marostica (VI)
Altitudine
: 103 m
Abitanti: 14.022

Come arrivare:

  • Le stazioni ferroviarie più vicine sono a Bassano e a Vicenza
  • In auto uscire a Vicenza e proseguire sulla SS248

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club!

Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra newsletter!

Gianpaolo Palumbo

Classe 1990, laureato in Scienze Politiche. Appassionato di storia, arte e cinema. "Per avere una narrazione è sufficiente che ci sia un narratore, una storia e qualcuno a cui raccontarla" (Andrea Bernardelli, "La narrazione", 1999).

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.