Sanremo 2015: le pagelle della prima serata

Ieri sera è cominciato il 65esimo Festival di Sanremo. A gestire il palco un esperto Carlo Conti con tre co-conduttrici che forse non si sentono pienamente a loro agio nel compito di presentare.
Una serata di alta qualità musicale, dieci artisti – per lo più di grande fama – che hanno portato il loro stile senza mancare di novità.

Chiara – “Straordinario”: La voce calda che già conosciamo, un arrangiamento equilibrato e ben strutturato orchestralmente, canta una canzone d’amore nella quale però dice di non sentircisi pienamente. Nonostante questo, ottima performance e bella canzone.
Musica: 7.5
Testo: 7
Interpretazione: 8
Presenza Scenica: 7.5
Totale: 7.5

 

Gianluca Grignani – “Sogni Infranti”: Porta avanti il suo stile indiscusso, quello che arriva dal suo passato tormentato e dal suo rock personale che non è mai cambiato. La voce rauca si mischia bene con la chitarra elettrica e porta avanti la sua immagine con coerenza.

Musica: 7
Testo: 6
Interpretazione: 6.5
Presenza Scenica: 7
Totale: 7.5

 

Alex Britti – “Un Attimo Importante”: Più chitarrista che cantante e questo si fa notare nello stile sulle corde che tiene personalmente in mano. Ottima costruzione del suono della chitarra che crea l’ambiente principale della canzone.

Musica: 8
Testo: 7
Interpretazione: 6
Presenza Scenica: 5 
Totale: 7

 

Malika Ayane – “Adesso e Qui (Nostalgico Presente)”: Canzone che porta avanti il suo stile soffice e delicato, ottimo arrangiamento orchestrale e testo profondo. (tra le frasi che colpiscono di più “silenzio per cena, conoscersi”). Presenza molto empatica sul palco.

Musica: 7 
Testo: 8 
Interpretazione: 7.5
Presenza Scenica: 7.5
Totale: 7.5

 

Dear Jack – “Il Mondo Esplode tranne Noi”: Rock band italiana che per la prima volta si presenta sul palco dell’Ariston con un prodotto che non ha niente di particolare, niente di diverso da proporre, nessuno stile personale.

Musica: 6 
Testo: 
4
Interpretazione: 6 
Presenza Scenica: 6
Totale: 5

 

Lara Fabian – “Voce”: Tra gli autori della sua canzone possiamo vedere anche Cesare Cremonini. Voce molto chiusa che forse rovina tutto il brio del pezzo, interpretazione che non porta nulla di nuovo al festival.

Musica: 7
Testo: 6
Interpretazione:
4  
Presenza Scenica: 6 
Totale: 6-

 

Nek – “Fatti Avanti Amore”: Ottimo pezzo con un sound non scontato, molto orecchiabile e ben costruito. Peccato che il tutto sia accompagnato da un testo d’amore piuttosto banale che rovina la qualità generale della canzone. Lo stile di Nek non muta dai tempi del suo esordio, coerente.

Musica: 8
Testo:
4 
Interpretazione: 7 
Presenza Scenica: 7.5
Totale: 6.5

 

Grazia Di Michele & Mauro Coruzzi – “Io Sono una Finestra”: Un Mauro Coruzzi in vesti che non siamo soliti vedere, accompagnato da una Grazia Di Michele molto professionale e precisa cantano una canzone implicitamente riferita alla situazione nella quale si trova anche il primo dei due. Un jazz molto orecchiabile e piacevole, testo giovane e ben costruito.

Musica: 8
Testo: 7 
Interpretazione: 7
Presenza Scenica: 6
Totale: 7

 

Annalisa – “Una Finestra tra le Stelle”: Ottima canzone con una melodia molto naturale, ben costruita e ben proposta al pubblico con una voce giovane e frizzante. Forse la migliore tra le canzoni della prima serata.

Musica: 9
Testo: 8
Interpretazione: 8
Presenza Scenica: 8
Totale: 8+

 

Nesli – “Buona Fortuna Amore”: Canzone spenta, testo con argomenti già sentiti che non hanno nulla di nuovo. Interpretazione senza particolarità ma forse perché la canzone stessa non esprime a pieno le sue qualità nella musica rap.

Musica: 5
Testo:
4.5 
Interpretazione: 5
Presenza Scenica: 5
Totale: 5

Tra gli ospiti hanno cantato un brioso Tiziano Ferro, un classico Albano in coppia con Romina e gli internazionali e pluripremiati Imagine Dragons.

Andrea Brunelli
Condividi:

One Comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.