fbpx

Le mostre e gli eventi principali per il centenario di Pasolini

In occasione del centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini sono numerose iniziative culturali dedicate al grande intellettuale. Quali gli eventi da non perdere?

8 minuti di lettura

In occasione del centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini, nato a Bologna il 5 marzo 1922, diverse città italiane, più o meno legate alle vicende biografiche dello scrittore e regista, si apprestano a celebrarlo attraverso eventi, mostre e rassegne cinematografiche, volte a indagare le varie sfumature di una personalità complessa e sfaccettata che ha contribuito a plasmare il panorama letterario e cinematografico italiano. Da Bologna a Roma, passando per Casarsa della Delizia in Friuli e Torino, vediamo alcune tra le principali iniziative volte a ricostruire il contributo politico, intellettuale e umano dato da Pier Paolo Pasolini al nostro paese e non solo.

Bologna. Mostre, retrospettive e un docufilm

Il capoluogo emiliano, terra natale di Pasolini, nonché luogo della sua formazione scolastica e universitaria sotto l’egida del critico dell’arte Roberto Longhi, è in prima fila nelle celebrazioni. A partire da Pasolini 100. La cineteca di Bologna per il centenario di PPP, un grande evento il cui fiore all’occhiello è la mostra multimediale Pier Paolo Pasolini. Folgorazioni Figurative, allestita nei nuovi spazi espositivi del Sottopasso di Piazza Re Enzo, dal 1 marzo al 16 ottobre 2022, che mira a indagare lo stretto rapporto tra la storia dell’arte, specialmente rinascimentale, e la costruzione delle immagini nel cinema pasoliniano, mediante materiale audiovisivo desunto dalle interviste, foto d’artista e confronti tra riproduzioni di grandi opere d’arte del passato e sequenze cinematografiche.

Leggi anche:
Le suggestioni artistiche nel cinema di Pier Paolo Pasolini

Altro evento collegato a Pasolini 100 è la retrospettiva integrale dei film del regista al cinema Lumière e la distribuzione, in collaborazione col CSC (Centro Sperimentale di Cinematografia- Cineteca Nazionale), di 13 pellicole nelle sale di tutto il territorio nazionale nell’ambito del progetto Il cinema ritrovato al cinema, con il quale la Cineteca di Bologna consente da decenni di portare al cinema i grandi classici restaurati.

Si segnala anche il docufilm di Emilio Marrese, Il giovane corsaro-Pasolini da Bologna, prodotto da Sì Produzioni in collaborazione con Istituto Luce e il sostegno di Emilia-Romagna Film Commission, Comune di Bologna e BPER, presentato in anteprima a Bologna dal 3 al 6 marzo, che ricostruisce l’importanza della città emiliana nella formazione del pensiero politico e della poetica matura di Pier Paolo Pasolini, la cui voce narrante fuori campo è prestata dall’attore Neri Marcorè.

Programma completo

Roma. Mostre diffuse e Pasolini pittore

La capitale è stata la città di cui Pasolini, trapiantato a Roma assieme alla madre negli anni 50, è stato attento osservatore attraverso il racconto dei vizi e delle virtù del sottoproletariato, nonché location di alcune pellicole di successo come Accattone e Mamma Roma.

Dal 2 marzo, con la presentazione alla Casa del cinema del libro Caro Pier Paolo di Dacia Maraini, un omaggio all’amico poeta sotto forma di lettere senza risposta, ha preso il via una serie di iniziative di Roma Capitale che si protrarranno per tutto il 2022. In programma una serie di appuntamenti nelle biblioteche romane con i principali studiosi italiani e una giornata nel carcere di Rebibbia, in concomitanza con i 50 anni della fondazione del carcere, con l’organizzazione di un convegno che vedrà la partecipazione delle scuole romane.

Leggi anche:
Tutti gli articoli che dovresti leggere su Pier Paolo Pasolini

Tra le varie iniziative si segnala la mostra diffusa Tutto è santo, che coinvolgerà tre importanti poli museali romani – Palazzo delle Esposizioni, Palazzo Barberini e il Museo MAXXI – dal 17 ottobre 2022 al 20 gennaio 2023. La mostra, il cui titolo deriva dalle parole pronunciate dal centauro Chirone nel film Medea del 1969, mira ad approfondire aspetti specifici del pensiero pasoliniano: Palazzo delle Esposizioni indagherà il rapporto simbiotico di parola e immagine nel corpus poetico di PPP, mentre Palazzo Barberini prenderà in analisi il modo in cui lo sguardo pasoliniano ha plasmato l’immaginario visivo dell’Italia. Conclude il percorso Il MAXXI, attraverso una rilettura delle opere di Pasolini da parte di artisti contemporanei, a riprova dell’attualità delle sue riflessioni.

Leggi anche :
La Roma di Pier Paolo Pasolini: i luoghi, le immagini

Sempre in autunno, la Galleria d’arte moderna (GAM) di Roma Inaugurerà la mostra Pasolini pittore, progetto inedito che intende portare sotto i riflettori un aspetto spesso marginalizzato dalla critica, ovvero l’attività pittorica di Pasolini attraverso un corpus espositivo di circa 200 opere tra paesaggi, nature morte, nudi e ritratti di personaggi a lui vicini, come Ninetto Davoli e Maria Callas.

Casarsa della Delizia (PN). Le iniziative del Centro Studi Pier Paolo Pasolini

A Casarsa della Delizia, paese natale dell’amatissima madre di Pasolini, Susanna Maria Colussi, dove Pier Paolo ha trascorso parte dell’infanzia e dell’adolescenza e al quale resterà profondamente legato, il Centro Studi Pier Paolo Pasolini, ospitato nella casa materna, per il centenario del poeta ha inaugurato la mostra Pasolini. I disegni nella laguna di Grado, aperta fino al 3 aprile, comprendente le opere grafiche realizzate da Pasolini a Grado, alcune delle quali inedite.

Tra le altre iniziative si segnala l’apertura il 5 marzo, giorno in cui Pier Paolo Pasolini avrebbe compiuto 100 anni, del nuovo allestimento museale della Casa Colussi e della Pinacoteca che raccoglie venticinque opere restaurate che svelano ulteriori aspetti della versatilità del talento pasoliniano, ulteriore tassello per la ricostruzione della complessa personalità dell’artista.

Programma completo

Torino. Un mese di eventi per Pasolini

Anche Torino, insieme ad altre città italiane, si unisce alle celebrazioni per il centenario della nascita di Pasolini presentando presso il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, dal 3 al 6 marzo 2022, l’opera Installazione Intellettuale, 1975, dell’artista Fabio Mauri, amico fraterno del regista.

Leggi anche:
Pier Paolo Pasolini, la mutazione antropologica e la critica al consumismo

Per tutto il mese di marzo si svolgerà inoltre l’evento Appunti per Pasolini, un programma diffuso articolato in dodici appuntamenti che si svolgeranno nelle province di Torino e di Cuneo, comprendenti performances di attori del territorio piemontese, retrospettive cinematografiche, a partire da quella promossa dal Museo Nazionale del Cinema di Torino, dibattiti e riflessioni.

Programma completo

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club!

Segui Frammenti Rivista anche su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra newsletter!

Arianna Trombaccia

Romana, classe 1996, laureata in Studi Storico-artistici presso l’Università La Sapienza, attualmente iscritta al corso di laurea magistrale in Storia dell’arte. Appassionata di scrittura creativa, è stata tre volte finalista al Premio letterario Chiara Giovani. Lettrice onnivora e viaggiatrice irrequieta, la sua esistenza è scandita dai film di Woody Allen, dalle canzoni di Francesco Guccini e dalla ricerca di atmosfere gotiche.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.