Narrativa erotica:
cinque libri da leggere

Tra i romanzi generalmente considerati più leggeri, la narrativa erotica è un filone che sta spopolando negli ultimi anni, arrivando a un pubblico sempre più ampio. Tuttavia, i numerosi esempi di romanzi erotici che si trovano in bella mostra sugli scaffali delle librerie non sempre nascondo qualità letteraria dietro a una copertina ammiccante che cattura l’attenzione con facilità. Per quanto il genere possa apparire di serie b, scrivere di eros non è facile: molti autori si rivelano troppo espliciti e superficiali, perdendo la poesia o l’approfondimento psicologico che un buon libro dovrebbe dare, altri nascondo il pudore in metafore troppo complesse o in tagli netti che rendono la passione un sentimento lontano e poco percepibile dal lettore.

Vi proponiamo quindi cinque libri in grado di mettere in scena la sessualità senza tralasciare la qualità letteraria, la poesia, l’innovazione, la provocazione. Cinque opere per tutti i gusti, dal romanzo d’amore all’opera BDSM, dal voyeurismo alla scoperta dell’omosessualità, per avvicinarsi a un genere letterario che non deve per forza essere considerato secondario.

1. HISTOIRE D’O

di Pauline Réage (ES, 2009, 176 pag., €18)

Negli ultimi anni la letteratura erotica BDSM ha conquistato il grande pubblico grazie al best seller Cinquanta sfumature di grigio e i suoi seguiti. Tuttavia, la trilogia di E. L. James è stata ampiamente criticata per il suo basso livello letterario. Cosa leggere quindi per avvicinarsi alle stesse tematiche senza che sia tralasciata la qualità del testo? Histoire d’O fa sicuramente al caso vostro: scritto nel 1954 da Pauline Réage, il romanzo narra la storia di O, una ragazza completamente irretita dal fidanzato Renèx, un dominatore che la porta in un castello dove verrà “usata” da altri uomini. O inizia questa insolita esperienza di sua spontanea volontà, ma si ritrova presto a diventare schiava – fisicamente e psicologicamente – degli inquietanti personaggi che abitano il palazzo.

Se la trama può sembrare per alcuni punti vicina all’opera di E. L. James – la matrice BDSM è comune –  si tratta in questo caso di un libro ben scritto e, soprattutto, di un romanzo con un lato psicologico preponderante.  A stupire non sono gli incontri erotici tra i due – e altri – personaggi, ma come la protagonista arrivi a voler sperimentare delle pratiche decisamente inconsuete, annullandosi per amore. Le tinte sono quelle del Marchese De Sade, ma l’atmosfera contemporanea dà al romanzo un tocco in più di realismo.

histoire d'o1

2. LE MILLE BOCCHE DELLA NOSTRA SETE

di Guido Conti (Mondadori, 2010, 264 pag., €18)

Se si è in cerca di un libro più leggero, che parli sì di sessualità, ma anche di amore, Le mille bocche della nostra sete è un’opera da non perdere. Il romanzo di Guido Conti del 2010 narra la passione tra due ragazze, Emma e Marzia, nel dopoguerra italiano. Le due crescono insieme scoprendo poco a poco la sessualità e l’amore, un sentimento ovviamente criticato che le dividerà e ricongiungerà per tutta la loro vita. Lo stile del libro è molto scorrevole, ricco di dialoghi ma anche di scene particolarmente poetiche, soprattutto per quanto riguarda gli incontri tra le due giovani donne. Un’opera sulla scoperta dell’amore omosessuale che si basa su un erotismo dolce, pacato, fatto di mani che si accarezzano e ricordi lontani.

Le-mille-bocche-della-nostra-sete-di-Guido-Conti

3. L’UOMO CHE GUARDA

di Alberto Moravia (Fabbri, 1985, pag. 218)

Per chi cerca invece libri più complessi, ma comunque adatti al periodo estivo, Luomo che guarda di Alberto Moravia è un ottimo suggerimento. Il romanzo è ricco della poesia tipica dell’autore, fatto di una scrittura precisa, calibrata, perfetta nel suo ritmo lento. L’uomo che guarda si basa sul piacere del guardare, che sia di nascosto o con l’approvazione degli interessati. È la storia di Dodo, trentenne annoiato che vive con il padre – ex professore universitario – e la moglie, una donna di una sensualità a tratti casta. Dodo ama osservarla come un voyeur, spingendo la tensione erotica a un malessere ossessivo, tra attimi di noia e nuove pulsioni. Moravia crea un personaggio complesso e contemporaneo, come è solito fare, e delle donne affascinanti e a tratti incomprensibili. Un libro di una sensualità che diventa poesia e metafora dell’esistenza umana.

l'uomo che guarda

4. UN GIOCO E UN PASSATEMPO

di James Salter (Guanda, 2015, 253 pag., €16)

Nel 1967 James Salter ci regala Un gioco e un passatempo: si tratta della storia d’amore tra Dean, un ragazzo americano in fuga dal college, e Anne Marie, diciottenne francese di una bellezza semplice e genuina. Lo sfondo è la Francia, nel dettaglio la Borgogna, degli anni Sessanta. La particolarità del libro sta nell’io narrante: l’avventura amorosa ed erotica tra i due è narrata dall’amico di Dean, un narratore anonimo, un trentaquattrenne statunitense che fa da filtro alle avventure dei due amanti. In questo romanzo immaginazione e realtà si fondono in una narrazione inaffidabile ma coinvolgente, senza troppi ammiccamenti. Così John Irving descrive il libro in postfazione: «Non conosco un altro romanzo capace di comunicare con tanta intensità che un’avventura erotica è, sempre, una storia d’amore».

Un-gioco-e-un-passatempo

5. SOFFOCARE

di Chuck Palahniuk (Mondadori, 2003, 276 pag., €13)

Per chi cerca invece un’opera più diretta e cruda, di un erotismo più “maschile”, Chuck Palahniuk può offrire infiniti spunti. Le sue opere sono raramente etichettate come erotiche, eppure la sessualità è un elemento fondamentale, spesso rielaborato in modo grottesco e innovativo, provocatorio. È il caso di Soffocare (2001), uno dei capolavori dello scrittore americano. Victor Mancini è un personaggio fuori dall’ordinario, un sesso-dipendente che, per sopravvivere, finge di soffocare nei ristoranti e si lascia salvare dall’eroe di turno, che provvederà poi a mantenerlo economicamente.

La scrittura di Palahniuk è estremamente diretta, priva di fronzoli, un testo che va dritto al sodo colpendo il lettore allo stomaco, stupendolo con soluzioni geniali quanto surreali. Se questo regole sono valide per ogni tema toccato dall’autore, lo sono soprattutto per il suo erotismo spudorato e senza troppa retorica, scurrile e crudo quanto reale. Il ritmo incalzante conquista il lettore e, tra un’avventura erotica e tanta insofferenza verso il mondo, non si può non restare indifferenti a uno dei personaggi più particolari creati da Palahniuk.

soffocare

[jigoshop_category slug=”cartaceo” per_page=”8″ columns=”4″ pagination=”yes”]

 

Dalila Forni

1991. Studentessa di Lingue e Letterature Europee ed Extraeuropee a Milano. Vivo di letteratura, pastasciutta e buona birra.
Dalila Forni
Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.