fbpx

La statua equestre di Carlo Magno, un esempio dell’arte della “rinascenza carolingia”

4 minuti di lettura

Scoperta nel 1807 da Alexandre Lenoir, fondatore del Museo dei Monumenti francesi, nel tesoro della cattedrale di Metz, la Statua equestre di Carlo Magno rappresenta un esempio significativo del debito romano dell’arte della rinascenza carolingia. Si tratta di un vero e proprio revival del mondo classico, un rinnovamento culturale promosso dall’imperatore, dall’aristocrazia di corte e dalle alte gerarchie ecclesiastiche, le cui fonti di ispirazione spaziano dall’arte romana a quella tardo-antica, cristiana e bizantina.

Statua equestre di Carlo Magno
Monumento equestre di Carlo Magno, IX secolo, bronzo con tracce di doratura,
24×17,5 cm, Parigi, Museo del Louvre.

La statua equestre di Carlo Magno: analisi dell’opera

La statua equestre di Carlo Magno, in bronzo, oggi esposta al Museo del Louvre di Parigi, è di piccole dimensioni (24×17,5 cm) e conserva poche tracce dell’originaria doratura. L’opera è costituita da tre parti fuse con leghe di metallo differenti: il cavallo, il corpo del cavaliere e la sella, la testa del cavaliere. Il cavallo, che ha forme ampie e tondeggianti, la testa leggermente volta di lato, la criniera scompigliata e la zampa anteriore sinistra piegata, è con ogni probabilità un’opera tardo-antica di riuso: eseguito attorno al III secolo era sentito come un soggetto “classico” sia dallo scultore che dal suo committente. La pratica del riuso era al tempo frequente e ben si colloca nella cultura del IX secolo.

Leggi anche:
La Colonna Traiana: celebrazione di un imperatore e del suo popolo

Il sovrano ritratto a cavallo reggeva in origine nella mano destra una spada, poi andata perduta, e nella mano sinistra sostiene una sfera che riproduce il globo, simbolo di dominio. La figura, di corporatura robusta e baffuta, indossa l’abbigliamento tipico dell’imperatore: il corpo è avvolto in un lungo mantello chiuso con una fibula sulla spalla destra, mentre il capo è impreziosito da una corona tempestata da gemme e ornata sulla sommità da quattro palmette.

Carlo Magno o Carlo il Calvo?

Ancora oggi si discute circa l’identità del sovrano: per alcuni studiosi l’uomo ritratto rappresenta Carlo Magno, per altri il nipote Carlo il Calvo (re di Francia dall’840, imperatore dall’875 all’877). Generalmente si propende oggi per la prima ipotesi. Il collo corto, la corporatura tozza, i baffi cadenti, il naso forte e gli occhi grandi corrispondono infatti alle descrizioni di Carlo date dai suoi contemporanei. Di contro, il cavallo e il globo come attributo del sovrano risalgono ad antichi modelli romani, noti solo dai tempi di Carlo il Calvo.

Leggi anche:
Avorio Barberini, iconologia di un trionfo

Resta comunque l’importanza della creazione di un soggetto equestre, di ispirazione tipicamente romana, possibile solo se collocato in un ambiente artistico quale quello della “rinascenza” della corte di Carlo Magno, impregnato di cultura classica. Con questo monumento equestre in miniatura, Carlo Magno, primo sovrano di un impero romano cristianizzato, si presenta come naturale erede di Costantino, che si riteneva essere il cavaliere di quello che noi oggi conosciamo come monumento equestre di Marco Aurelio, collocato presso il Laterano e oggi ai Musei Capitolini (Roma).

 


Segui Frammenti Rivista anche su Facebook, Instagram e Spotify, e iscriviti alla nostra Newsletter

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. Frammenti Rivista è edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle. Non abbiamo pubblicità. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi iscriverti al FR Club o sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle.

Teresa Bonandi

Sono una studentessa di Lettere Moderne all’Università Cattolica di Milano, amo l’arte, la moda e gli aperitivi con gli amici. Estremamente ipercritica verso me stessa e determinata a portare a termine i miei progetti, sempre con un occhio di riguardo alle nuove tendenze, da vera fashion victim.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.